contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
articolo

Seconda trance di Tem 2015, al via il corso per neolaureati in Temporary Export Management

2' di lettura
1229

Dopo i professionisti, l’opportunità ai neolaureati. Sono quaranta i diplomati delle Università del centro Italia che si sono guadagnati l’accesso al master “TEM Accademy” organizzato dall’Ice attraverso la collaborazione con Confindustria Ancona e Camera di Commercio dorica. Proprio nella sede di quest’ultima, lunedì mattina i saluti dei Presidenti delle due organizzazioni ai ragazzi pochi minuti prima dell’inizio del corso.

Altri venti studenti senior – ovvero già professionisti nel settore dell’imprenditoria - stanno frequentando in contemporanea il master Tem nel fine settimana presso la sede del capoluogo di Confindustria. Per Filippo Schittone, direttore di Confindustria Ancona, il corso, potrà garantire, attraverso la creazione di figure professionali completamente nuove “maggiore stabilità alle piccole imprese sui mercati esteri. Oggi infatti, stando ai dati della Banca d’Italia, sopravvive solo chi esporta il 60 % dei suoi prodotti all’estero. Questo corso è quindi particolarmente importante per voi e per noi”. Il suo augurio: “Grazie al vostro lavoro futuro saremo capaci di mettere in rete molte aziende. Avete davanti qualcosa di molto concreto grazie all’Ice. Buon lavoro e benvenuti”. E dall’Ice la dottoressa Cristiana Gioffré designa i ragazzi come una scommessa fatta dalla sua agenzia: “Diventerete Temporary Export Manager, una figura nuova che offrirà alle aziende la possibilità di affacciarsi sui mercati esteri garantendo una maggiore continuità alle imprese stesse. Con questo corso vogliamo dare risposte concrete alle aziende e il vostro impegno potrà essere determinante”.

Giorgio Cataldi, Presidente della Camera di Commercio di Ancona si mostra convinto del fatto che l’Ice abbia segnato un punto decisivo con questo master, organizzato in contemporanea ad Ancona, Bari e Bologna. “Uno degli argomenti più richiesti – afferma – è quello della formazione. Tutti oggi cercano di andare all’estero per trovare una soluzione. Dall’estero però si rivolgono spesso a noi le imprese più piccole, che apprezzano il nostro intervento”. Anche lui resta convinto del fatto che “il corso sarà molto utile, occupandosi di un settore importante per le imprese. Sarà molto utile per migliorare la vostra formazione e per aumentare concretamente le vostre possibilità d’inserimento nel mondo del lavoro”.





Questo è un articolo pubblicato il 26-10-2015 alle 14:19 sul giornale del 27 ottobre 2015 - 1229 letture