Strage di Parigi, Collard e Mancinelli in Piazza Roma per l'inno "della libertà"

1' di lettura Ancona 17/11/2015 - Uniti in Piazza Roma contro le stragi di Parigi. Sindacati, amministrazione comunale e liberi cittadini si sono riuniti lunedì sera intorno a un palchetto allestito dietro alla pensilina dell’informagiovani, ad ascoltare in silenzio la marsigliese.

L’inno – ha affermato Valeria Mancinelli – della libertà e dei valori della cultura occidentale dalla fine del ‘700 ad oggi”. Ma a scuotere la platea c’è Dominique Collard, console onoraria francese ad Ancona, che riporta semplicemente il motto della Ville lumiere: “Fluctuat nec mergitur” (“Naviga e non affonda”), come a dire “non abbiamo paura”.

Presenti anche gli indignati esponenti della comunità islamica italiana. La giornalista di “Diario di Siria”, Asmae Dachan ha un cartello con l’hashtag “Not in my name”, e suo padre Nour, presidente della comunità stessa, accusa “i Francesi che non vogliono Assad sono stati puniti da lui che ha mandato gli assassini. E ora un miliardo e mezzo di musulmani è accusato ingiustamente di terrorismo”.

Dai sindacalisti arrivano parole di sdegno e proposte di presidio nei luoghi di lavoro. Ma il raccoglimento è nella maestosità del Teatro delle Muse, illuminato con i colori della bandiera francese nella notte silenziosa.


di Enrico Fede
redazione@vivereancona.it

 







Questo è un articolo pubblicato il 17-11-2015 alle 10:04 sul giornale del 18 novembre 2015 - 1575 letture

In questo articolo si parla di cronaca, articolo, Enrico Fede, terrorismo islamico, strage di parigi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aqxi





logoEV