Orchestra di fiati e arte durante la Grande guerra nel fine settimana della Polveriera

2' di lettura Ancona 20/11/2015 - Due eventi da non perdere domani e domenica alla Polveriera. Domani, alle 18, incontro con Costanza Costanzi su Artisti e guerra in trincea. La pittura italiana e la Grande guerra. Domenica alle 18 Canti e letture dalle trincee.

Concerto dell’Orchestra fiati di Ancona e coro Francesco Tomassini. Da segnalare anche la mostra itinerante La camicia nell’arte e nel linguaggio, i legami tra il manufatto artigianale e l’opera d’arte che prosegue fino all’8 dicembre prossimo con una tappa alla Polveriera. Valorizzata nella sua teca, infatti, ecco il lembo della camicia del Console tedesco strappato dagli anconetani inferociti subito dopo il bombardamenti di Ancona del 24 maggio 2015. La mostra si svolge presso Legatoria Librare, La Congrega, Museo Tattile Statale Omero, la Polveriera, Museo Diocesano, Biblioteca comunale, Museo della Città, Museo archeologico nazionale delle Marche, nei giorni e negli orari di ogni sede espositiva. Ciascuno di questi luoghi, propone appunto una camicia con la sua storia da raccontare, con il suo legame con un’opera d’arte di riferimento. Per agevolare i visitatori, domenica (22 novembre), dalle ore 15.30, da piazza del Plebiscito partiranno delle visite guidate con tappe nelle varie sedi della mostra. Si replicherà poi sabato 28 novembre prossimo. Per prenotazioni: 3398170383 – 3338288652.

Ecco invece il programma del fine settimana più nel dettaglio: Sabato 21 novembre alle 18, "Artisti e guerra in trincea", a cura di Costanza Costanzi, ex direttrice della Pinacoteca. Preceduti da un ventennio di sfolgorante ottimismo e di grandi inquietudini esistenziali e sociali, gli anni della Grande guerra assistono sul fronte artistico a straordinari cambiamenti di rotta: il più significativo è il movimento Futurista, prima vera avanguardia artistica che dal 1909 - anno di pubblicazione del Manifesto del Futurismo di Filippo Tommaso Marinetti - si propone di compiere un’azione di rinnovamento e svecchiamento della società come dell’arte. Tra i suoi protagonisti, Giacomo Balla, Umberto Boccioni, Antonio Sant’Elia, Ottone Rosai, Mario Sironi e altri, un’inquieta generazione di giovani che considera la guerra come la “sola igiene del mondo” e che aderisce alla campagna interventista con entusiasmo, partecipando anche al conflitto in prima persona. Ma l’orrore della inutile e spietata carneficina provoca in molti un’amara disillusione. E anche l’arte reagirà a questo clima cambiato, raccontando la guerra e le vicende del fronte con occhi diversi e diverse sensibilità Domenica 22 novembre, alle 18 un concerto di canti e letture dalle trincee dell’Orchestra fiati di Ancona e del coro “Francesco Tomassini” diretto da Mirco Barani. Il soprano è Alessandra Capici. Presentazione di Antonio Luccarini e letture di Mauro Pierfederici.

Aperte sabato pomeriggio e domenica mattina e pomeriggio la mostra permanente “Ancona nella Grande guerra”, e la mostra temporanea su Manlio Marinelli, “Letterato e soldato caduto per la Patria”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-11-2015 alle 15:14 sul giornale del 21 novembre 2015 - 1170 letture

In questo articolo si parla di cultura, ancona, comune di ancona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aqHE





logoEV