contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ECONOMIA

comunicato stampa
Taglio del nastro per la nuova sede di AssiAdriatica

2' di lettura
2142

È stata inaugurata mercoledì di fronte alla Mole Vanvitelliana, in Via Mamiani 4, la nuova sede di AssiAdriatica, la società assicurativa nata ad Ancona grazie all’unione di otto singole agenzie del territorio, e che rappresenta una delle più grandi realtà del settore operante nelle Marche.

A tagliare il nastro il vicesindaco Pierpaolo Sediari, che ha ricordato come "iniziative come questa testimoniano la volontà e la forza che gli imprenditori privati mettono per riqualificare la città, e il nostro compito non può che essere quello di stare vicino a questi imprenditori e agevolarne il lavoro".

Parole che fanno da eco a quanto detto poco prima, nel discorso inaugurale, da Giorgio Pesaresi e Maurizio Ragni, rispettivamente presidente e amministratore delegato di AssiAdriatica: «Vogliamo essere una risorsa per il territorio, per i nostri clienti, ma non solo. Puntiamo infatti a crescere come azienda, crescere nel numero di dipendenti, di collaboratori, e di nuove sedi che verranno presto aperte anche nei comuni vicini».

«Gli artigiani nel mercato assicurativi sono ormai finiti – ha ribadito il presidente Pesaresi –; oggi è arrivato il momento dell’industria, e per questo io e gli altri soci di AssiAdriatica abbiamo deciso di metterci insieme. Non è solo un discorso di dimensioni: oggi il mercato richiede specializzazione e competenza, qualcosa che da soli non si è in grado di garantire».

Alla cerimonia di inaugurazione, oltre al vicesindaco Sediari e a Claudio Belletti, direttore del reparto vendite di UnipolSai, anche lui intervenuto per congratularsi con gli otto agenti responsabili del progetto, erano presenti anche l’assessore comunale Stefano Foresi, il capo della segreteria del presidente regionale Fabio Sturani, esponenti delle diverse sigle sindacali e del mondo dell’associazionismo, il parroco del quartiere Archi don David, che ha benedetto la sede, e davvero tanta gente, allietata nell’attesa del taglio del nastro dal suono di una banda di venti elementi.