contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Gioco d'azzardo, riparte la campagna di sensibilizzazione con un concorso per gli istituti superiori

1' di lettura
1730

A che gioco giochiamo?, il progetto regionale contro il gioco d'azzardo

Nell'ambito del progetto di prevenzione del gioco d'azzardo patologico (GAP) – “A che gioco giochiamo”, nato nel 2014, finanziato dalla Regione Marche e promosso dall'Ambito Territoriale Sociale di Ancona (ATS) è indetto un concorso riservato agli Istituti Superiori di secondo grado della provincia di Ancona, per la selezione di un breve video sul tema della prevenzione del GAP.

L'iniziativa mira a sensibilizzare i giovani rispetto ad un fenomeno di strettissima attualità che li riguarda da vicino e allo stesso tempo intende renderli protagonisti attivi nella prevenzione di questa forma di dipendenza e nella promozione del divertimento sano. Il concorso prevede tre premi rispettivamente di 1.500, 1.000 e 500 euro che saranno assegnati ai primi tre istituti scolastici classificati. I premi verranno assegnati nel corso di una manifestazione pubblica e il video vincitore sarà proiettato nei cinema multisala della provincia di Ancona. La scadenza per aderire all'iniziativa è il 20 febbraio e i lavori dovranno essere inviati entro la data del 15 maggio 2016.

Il progetto- come detto- interessa il territorio della provincia di Ancona e comprende gli Ambiti Sociali Territoriali di Fabriano, Falconara, Jesi, Osimo, Senigallia e Ancona, Ambito capofila del progetto. E' attuato in collaborazione con il Dipartimento Dipendenze dell'ASUR Area Vasta 2. Le varie azioni collegate agli obiettivi che animano il progetto GAP vedono coinvolta fortemente anche l'Unità di strada del Comune di Ancona, Informabus.

Per Info sul concorso: 3200196330 (Informabus Ancona) informabus@gmail.com www.luderenonledere.it Facebook Informabus Ancona



A che gioco giochiamo?, il progetto regionale contro il gioco d'azzardo

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-02-2016 alle 16:03 sul giornale del 08 febbraio 2016 - 1730 letture