contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
comunicato stampa

Sabato incontro tra l’Ankon Dorica e la Konlassata, mobilitazione per "Alessio libero"

2' di lettura
1352

Il 13 febbraio saranno tre mesi dall’arresto di Alessio Abram. In questo periodo sono stati innumerevoli gli attestati di solidarietà e le iniziative. La partita tra l’Ankon Dorica e la Konlassata sarà l’occasione per una manifestazione in favore della sua liberazione.

Sabato 13 febbraio saranno passati tre mesi dall’incarcerazione di Alessio Abram. Ricordiamo che Alessio è stato condannato a 5 anni e due mesi per non aver ottemperato per alcune volte all’obbligo di firma nell’ambito del provvedimento di Daspo emesso una decina di anni fa. In questi novanta giorni innumerevoli sono stati i messaggi di solidarietà e di affetto arrivati; associazioni, movimenti, tifosi, polisportive, singoli cittadini non hanno fatto mancare ad Alessio attestati di stima e simpatia.

Anche dall’estero. Più volte è stato sottolineato come finire in carcere per un motivo del genere nel Paese della corruzione imperante e del malaffare come sistema politico è assurdo e kafkiano. Il 15 dicembre il giudice ha ridotto a 3 anni e 4 mesi l’iniziale condanna. Il 18 maggio è stata fissata l’udienza in cui, in seguito all’abbassamento della pena, verrà discussa la richiesta di affido ai servizi sociali e quindi la relativa scarcerazione.

Parallelamente la difesa ha fatto ricorso alla Cassazione per un abbassamento della condanna sotto i due anni che consentirebbe gli arresti domiciliari. Questo sotto il profilo strettamente giudiziario. Ma come dicevamo da novembre sono state diverse le iniziative a favore della liberazione di Alessio. La più importante la manifestazione del 12 dicembre ad Ancona.

Ma tutte le partite casalinghe della sua squadra, la Konlassata, impegnata nella seconda categoria dei dilettanti, sono state utilizzate per chiedere che venga restituita alla società e all’affetto dei suoi cari una persona da sempre in prima fila nella lotta contro ogni forma di discriminazione e di razzismo. E proprio sabato a Candia in occasione dell’incontro contro l’Ankon Dorica ci sarà una nuova mobilitazione per “Alessio libero”.L’appuntamento è per tutti alle 14 presso l’impianto Don Orione in Via Spadoni 1.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-02-2016 alle 19:51 sul giornale del 12 febbraio 2016 - 1352 letture