contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > SPORT
comunicato stampa

Ottaviani d'argento ai Master Europei del Palaindoor

4' di lettura
1703

E' in corso ad Ancona la sei giornate dei Campionati Europei Master Indoor. Giuseppe Ottaviani, grande protagonista della cerimonia d'apertura, ha iniziato la sua avventura con una medaglia d'argento nel salto in lungo.

Meglio del quasi centenario di Sant'Ippolito (PU), quest'anno già ospite della serata d'apertura del Festival di Sanremo, ha fatto Emmerich Zensch. Sessantuno centimetri (1,90 a 1,29) e tre anni e mezzo di differenza tra l'oro dell'austriaco (classe 1919) e l'argento del marchigiano (classe 1916) che ora punta a rifarsi in serata con la finale dei 60 metri (ore 17:55). Sempre nello sprint sarà da tenere d'occhio l'ex azzurro Mario Longo che ieri in semifinale ha eguagliato il suo record del mondo M50 con 7.10. In mattinata nei 3000 metri è arrivato anche il primato europeo di categoria M85 dell'imperiese Luciano Acquarone, vincitore in 15:47.14. Al femminile bella tripletta nei 3000 W50 con un “en plein” azzurro firmato nell'ordine da Elena Fustella, Spyridoula Souma e Donatella Saiu: sul podio emoziona sentire le tre sorelle d'Italia cantare l'inno nazionale a squarciagola. Gare senza sosta al Palaindoor, dove è in piena attività anche una nutrita pattuglia di fotografi: basti pensare che in un giorno mezzo di competizioni il service ufficiale dell'evento ha già scattato oltre 30.000 foto. E siamo ancora solo all'inizio.

Un'altra medaglia per papà Tamberi - Marco Tamberi, il papà-coach di "Golden Gimbo", mette nel bottino di questa stagione indoor un'altra medaglia. Dopo lo spettacolare oro conquistato dal figlio Gianmarco ai Mondiali di Portland, oggi la soddisfazione del podio è arrivata grazie a Marco De Angelis che proprio nell'alto si è messo al collo il bronzo nella categoria M40. Marchigiano, 44 anni, da sempre in forza allo storico sodalizio dell'Atletica Sangiorgese, De Angelis oggi ha saltato 1,83 alle spalle del francese Nils Portemer (1,98) e del lettone Peteris Valdmanis (1,95). L'altista è originario di Porto San Giorgio, ma vive e lavora da anni ad Ancona come informatico presso il Gruppo Angelini. Proprio nel capoluogo dorico è avvenuto l'incontro con la Tamberi-family da qui la scelta di farsi seguire da Marco, a sua volta azzurro ed ex primatista italiano assoluto indoor. Una collaborazione tecnica che nel giro di qualche stagione l'ha portato a migliorarsi fino a 1,89 in occasione dei Europei Master Indoor di Torun.

Ruth Dales New-Entry sotto i riflettori - E' stata la new-entry della manifestazione. Ruth Marie Dales era all'esordio assoluto in una rassegna internazionale master di atletica dove si è cimentata come sprinter nei 60 metri. Britannica 35enne, originaria delle Midlands, ad Ancona la sua corsa si è fermata ieri in batteria: 8.36 il tempo che ne ha fatto la prima delle escluse dal passaggio del turno in semifinale. La sua presenza, tuttavia, seppur velocissima non è passata inosservata ai mille occhi del Palaindoor, anche se la bionda Ruth è abituata a stare sotto i riflettori. Nella vita di tutti i giorni, infatti, è una modella nell'ambito del fitness e proprio in questa veste ha preso parte a diverse competizioni di livello internazionale. "Mi sono davvero divertita - il commento di Ruth via Facebook - e posso ritenermi soddisfatta della mia performance. L'atletica è la base delle mia preparazione e ho ricominciato ad allenarmi dopo quattro mesi di stop per infortuni. Se tutto andrà come previsto spero di partecipare anche ai Mondiali outdoor". Intanto i social network e la platea della manifestazione ad Ancona l'hanno già simpaticamente proclamata "Miss Campionati".

Ai Campionati Europei Master Indoor di Ancona, Mario Longo supera se stesso e, soprattutto, il suo primato mondiale M50 dei 60 metri. Il risultato, dopo il 7.10 con cui in semifinale il napoletano aveva agevolmente eguagliato il precedente limite, era nell'aria. Si è puntualmente materializzato sul rettilineo del Palaindoor in una finale senza storia: crono 7.04, ovvero 6 centesimi di miglioramento. L'oggi 51enne dell'Atletica Posillipo ha significativi trascorsi con la maglia della Nazionale assoluta, tra i quali spicca la medaglia di bronzo conquistata con la 4x100 agli Europei di Spalato 1990. Sulla stessa pista poco prima è stata la volta del quasi centenario Giuseppe Ottaviani che aggiunge un altro argento M95 (dopo quello di poche ore prima nel lungo) al suo bottino di giornata. L'inossidabile portacolori del Gs Effebi Fossombrone, sotto gli occhi del sindaco del suo paese Stefano Tomasetti, ha chiuso il suo sprint in 18.65. A precederlo in 18.17 soltanto il britannico, "appena" 96enne, Charles Eugster. In chiave marchigiana da segnalare il settimo posto di un'altra ex velocista azzurra, l'anconetana Annalisa Gambelli, 8.76 tra le W50. Domani la terza giornata della rassegna continentale della rassegna con in palio la bellezza di 89 titoli.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-03-2016 alle 14:18 sul giornale del 01 aprile 2016 - 1703 letture