contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > SPORT
articolo

Tamberi tra i testimonial dell'edizione 2016 degli Youth Game della Macroregione

8' di lettura
2435

Saranno 3 campioni del mondo dorici: Alberto Rossi (vela), Gianmarco “Jimbo” Tamberi (atletica: salto in alto) e Giorgia Speciale (windsurf) i testimonial della seconda edizione dei Giochi della Macroregione Adriatico Ionica presentata questa mattina al Teatro delle Muse di Ancona, alla presenza dei rappresentanti delle numerose istituzioni che a questo progetto lavorano fino dalla prima edizione del 2014, degli sponsor, di una rappresentanza delle società sportive che parteciperanno alle gare ( Pallamano “Luciana Mosconi”) e del mondo della scuola (corale Liceo Rinaldini) che darà anche questa volta una grossa mano.

Da un'idea dell'assessore comunale allo Sport, Andrea Guidotti, si riconferma e si consolida una manifestazione che non è solo una sorta di micro Olimpiade dei giovani dei Paesi delle due sponde e di una nuova comunità unita da legami e valori condivisi, ma è anche e soprattutto terreno e occasione di conoscenza reciproca e di scambio, di amicizia, fratellanza, integrazione e coesione tra ragazzi, ambasciatori di una Europa di pace. Gli “Adriatic and Ionian Macroregion Youth Games” che si terranno nel capoluogo delle Marche dal 15 al 18 giugno prossimi, sono voluti e organizzati anche nel 2016 dall' Amministrazione comunale dorica e realizzati con il supporto della Regione Marche, con la collaborazione del Forum delle Città dell’Adriatico e dello Ionio, dell’Ufficio Scolastico Regionale per le Marche- M.I.U.R., CONI, Autorità Portuale di Ancona, Camera di Commercio di Ancona, Marina Militare, Segretariato per l’Iniziativa Adriatico Ionica , Aiccre e Rete Città Sane. Saranno oltre 1.000 anche quest'anno i ragazzi dai 15 ai 16 anni provenienti da otto paesi appartenenti alla Macroregione Adriatico Ionica: oltre all’Italia parteciperanno Croazia, Montenegro, Albania, Grecia, Bosnia Herzegovina, Serbia, Slovenia. E circa 20 le città da cui partiranno le delegazioni di atleti e accompagnatori, spinte dall’azione del Forum delle Città che ha individuato, tra quelle facenti parte del proprio comitato direttivo, alcune città capofila: tra esse Spalato, Mostar, Koper, Durazzo, Kotor , Sabac e Patrasso, con la speranza che si unisca anche Olympia, città-simbolo da cui partirà il mese prossimo la fiaccola olimpica in direzione di Rio de Janeiro per le prossime Olimpiadi.

Fin dall'edizione del 2014- ha esordito il Sindaco Valeria Mancinelli, ringraziando tutti i partner sostenitori dei Giochi, a partire dalla Regione Marche- l'intenzione era quella di riconfermare questa manifestazione ed ora la speranza è divenuta certezza. La città e il suo territorio tra qualche settimana potranno rivivere un clima cosmopolita ed entusiasta calato nella sana e bella provincia italiana. L'identità di Ancona – che sta recuperando rapporti importanti in svariate direzioni- si viene sempre più ridefinendo, come città di mare e come città di sport. Negli ultimi mesi ha ospitato eventi di portata internazionale come i Master europei di atletica in corso e questo- come avverrà con i Giochi- ci trasporta fuori dai confini regionali e nazionali, nell'ambito di un contesto, la Macroregione unita dal mare, cosa di meglio e di più? Sono certa che vivremo tutti giornate fantastiche.” “ Ognuno di noi – ha dichiarato il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli- ha fatto sport e sa quali valori porta con sé, non solo agonismo ma aggregazione e condivisione. Questa esperienza resterà unica e indimenticabile nella vita di quei ragazzi, resterà nella loro memoria come una fase importante di crescita. Nel momento difficile che sta vivendo l’Europa, di terrore e insicurezza, mettere insieme lo Sport, l’amicizia e il senso di unione è un grande segnale che andava concretizzato . Per i giovani, per comunicare la volontà di costruire un mondo possibile di convivenza pacifica. Questi Giochi sono quindi un bellissimo messaggio da traghettare verso più sponde possibili. E siamo contenti che parta dalla nostra regione , dalla città di Ancona che ritrova ruolo e identità culturale per creare legami e non divisioni, ponti ideali di connessione, esprimendo al meglio l’essere fulcro della Macro Regione Adriatica Ionica.

Nei dettagli operativi sono quindi scesi l'assessore allo Sport Andrea Guidotti e l'assessore alle Relazioni Internazionali, Ida Simonella, illustrando il programma di massima: i ragazzi arriveranno alla spicciolata nella giornata di mercoledì 15 giugno e -nel tardo pomeriggio- parteciperanno alla cerimonia di apertura dei Giochi, che si terrà nel Porto Antico. Seguiranno due giornate dedicate alle gare sportive, che si concluderanno con la cerimonia di premiazione il 17 giugno, in serata, anch'essa al Porto Antico. La partenza delle varie delegazioni è prevista nella mattinata di sabato 18 giugno. Tredici le discipline di confronto agonistico per i ragazzi: atletica, basket, calcio, pallamano, ginnastica, pallanuoto, rugby, scherma, taekwondo, tennis, vela e volley e beach- volley. La macchina organizzativa, coordinata dagli assessorati allo Sport e alle Relazioni Internazionali del Comune di Ancona con il supporto della Regione Marche è già in moto , grazie alla collaborazione con le federazioni sportive regionali: ognuna delle discipline - scelte privilegiando le specialità di squadra e la pratica nei Paesi coinvolti - avrà un suo torneo. Le delegazioni sportive di ogni Paese possono partecipare a tutte o solo ad alcune specialità. Una ventina gli impianti sportivi interessati all'evento nel territorio anconetano, tra i quali spicca- in questa seconda edizione- il campo della palla ovale alle Palombare inaugurato nel 2015. “Una grande sfida che affrontiamo per la seconda volta con molto entusiasmo ed emozione- mette in evidenza l'assessore Guidotti- grazie alla collaborazione di tanti e di un gruppo di lavoro di una trentina di dipendenti comunali assemblati dalla Direzione generale. Questa seconda edizione non potrà che consolidare quello straordinario e toccante rapporto di amicizia che si è instaurato tra giovani atleti di 8 Paesi. Assistere allo spirito di gruppo che si è creato in quei giorni di giugno del 2014, alle foto e ai messaggi finali degli adolescenti che hanno partecipato, è una soddisfazione che va oltre il ruolo istituzionale.

E anche quest'anno , in collaborazione con il Comitato Paralimpico italiano rappresentato da Luca Savoiardi, i Giochi contempleranno la partecipazione di gare di sport disabili: si sta lavorando – ha annunciato Guidotti- ad una dimostrazione di sitting volley. All'insegna della gioia dello stare insieme: tutti i giovani e i loro accompagnatori consumeranno i pasti nella grande tensostruttura che verrà allestita in piazza Pertini ad Ancona e pernotteranno tutti insieme, seguendo la formula già collaudata, al Palaindoor e al Palascherma. Indossando la t-shirt con i colori degli 8 Paesi della Macroregione l'assessore alle Relazioni Internazionali, Ida Simonella ha sottolineato la presenza dal 15 al 18 giugno di 20 città dei Paesi di entrambe le sponde (inclusa quella, probabile, di Olympia) e lo “spessore istituzionale fortissimo” che sostiene i Giochi, nei diversi ruoli: l'Iniziativa Adriatico Ionico con l'Ambasciatore Pigliapoco, i Forum delle Città e delle Camere di Commercio, dell'Autorità Portuale, della Marina militare, dell'Università, della Protezione civile, del mondo del Volontariato. Senza contare il mondo della Scuola che- come ha confermato la referente dell'Ufficio Scolastico regionale Michelangela Ionna- affiancherà il Comune mettendo in campo tanti studenti entusiasti che collaboreranno all'evento vestendo i panni di animatori, reporter, accompagnatori, interpreti e guide turistiche (nel 2014 furono circa 600). Un particolare ringraziamento l'assessore Simonella lo ha rivolto agli sponsor senza i quali questa impresa non sarebbe possibile: GGF Group, Adria Ferries (che concede gratuità agli atleti provenienti da Albania e Montenegro), Prometeo Estra Edma, DPI, API, Unicredit e Pubbliesse. L'auspicio è che altri, anche sponsor tecnici, si uniscano a questo gruppo di generosi sostenitori. E un momento speciale dei Games non potrà non essere dedicato, a pochi giorni dalla Giornata Internazionale del rifugiato, alla drammatica questione dei migranti, così da fare passare anche questo messaggio attraverso i ragazzi, con modalità adatte a loro. Previsto anche per questa edizione il concorso per la vetrina più bella, che vedrà coinvolti gli operatori commerciali dorici, rendendo pertanto ulteriormente partecipe il tessuto socio-econmoico cittadino e rendendo il capoluogo ancora più accogliente, a misura di ragazzo e ragazza. Altre manifestazioni di consenso ed entusiasmo per la nuova edizione dei Giochi della Macroregione sono state espresse alla cerimonia di presentazione di oggi dal presidente dell'A.P. Giampieri, dal Segretario generale della Camera di Commercio, DeV ita, dai già citati Savoiardi e Ionna, che hanno garantito impegno e condivisione di un progetto di indiscutibile valore. La comunicazione dei Games (programma, gare, eventi collaterali, foto, interviste ecc) – anche e soprattutto in virtù della sua dimensione internazionale e dato il target di riferimento: gli adolescenti- viaggerà attraverso il sito internet dedicato: www.aimyg.eu, attraverso la pagina facebook e altri social network curati dall'Ufficio Comunicazione del Comune mentre l'Ufficio Stampa del Comune curerà i rapporti con le testate giornalistiche. La cerimonia di presentazione odierna, condotta da Andrea Carloni e preceduta da un video con le immagini dell'edizione 2014, si è conclusa con una emozionante esibizione della corale del Liceo Rinaldini: ragazzi che cantano pensando ai loro coetanei, felici di accoglierli a breve.





Questo è un articolo pubblicato il 31-03-2016 alle 18:59 sul giornale del 01 aprile 2016 - 2435 letture