contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

La disumanità nelle carceri, il resoconto di Antigone

2' di lettura
1549

Approda in via Astagno il primo incontro sulla situazione delle carceri marchigiane.

A fare il punto sulla drammaticità della questione, soprattutto per il capoluogo, è il Presidente di Cnca Ancona Samuele Animali che ha spiegato venerdì pomeriggio: “La specificità è preoccupate perché non è stata rifinanziata la legge quadro sulle carceri marchigiane. Niente più corsi professionalizzanti, dunque e meno ore di psicologo. Da 1,4 milioni di euro del 2014 siamo passati a 0 nel 2015”. Dimenandosi tra chi ha ancora a cuore l’accoglienza per i detenuti, sarebbe stato possibile recuperare alcuni fondi da altre fonti per non rimanere proprio con l’acqua alla gola. Tuttavia, ha continuato Animali, “In un sistema piccolo come le Marche (con meno di novecento detenuti) le morti sono parecchie, con tre o quattro suicidi a Montacuto negli ultimi 3 anni. Non sempre l’incompatibilità con la detenzione viene segnalata in tempo. Sono problematiche su cui bisogna lavorare”.

È piaciuta molto l’idea di un’appendice regionale alla situazione italiana al Presidente Onorario di Antigone Nazionale Stefano Anastasia, nelle Marche per presentare il libro “Abolire il Carcere” (alle 17.45 alla Casa delle Culture di Ancona e alle 21.15 alla Biblioteca San Giovanni di Pesaro). Aspettando il rapporto generale del 15 aprile prossimo ha sottolineato l’importanza di questa anticipazione come “Una fase di passaggio molto significativa e molto delicata. La morbosa attenzione di alcuni politici al riutilizzo dello strumento carcerario come cavallo di battaglia della propria campagna elettorale è preoccupante. La loro riuscita potrebbe far sfumare le conquiste fatte negli anni precedenti”.

Tra i presenti all’incontro anche l’Ombudsman regionale Andrea Nobili. Le sue conclusioni sono state un sentito ringraziamento per “il prezioso lavoro che Antigone fa sul territorio perché prima i soggetti che lavoravano su queste tematiche erano pochissimi”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-04-2016 alle 17:21 sul giornale del 02 aprile 2016 - 1549 letture