contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > SPETTACOLI
articolo

Il ritorno di piazza Cavour, svelata la statua

2' di lettura
3786

Svelata in tutto il suo candore la statua del conte di Cavour. Uno spettacolo durato fino a tarda notte quello di venerdì sera nella piazza che unisce i due mari, collegati ancora meglio da un tappeto rosso srotolato dal Passetto al Porto Antico.

Festeggiamo una bella piazza, una piazza-giardino. Festeggiamo la bellezza e la bellezza fa bene. Festeggiamo la ritrovata piazza Cavour come luogo della nostra memoria e delle nostre radici ma anche come il punto di forza con il quale guardiamo al futuro”. Questo l’incipit del discorso inaugurale del sindaco Valeria Mancinelli, salita sul palco di fronte a tante autorità – il presidente dell’Autorità Portuale Giampieri, il comandante GdF Di Lucia, il rettore Sauro Longhi e tutti gli assessori (che poco prima avevano gustato insieme l’aperitivo Cavour proposto dal Piccadilly di Piazza Roma – per ricordare i prossimi eventi di riqualificazione in programma: spina dei corsi, piazza Diaz, Mercato delle Erbe e tanti altri (che sia la volta buona anche per il semiabbandonato Parco Del Fornetto?). La sicurezza sarà affidata alle telecamera ma anche a una 30ina dei circa quattrocento rifugiati politici presenti ad Ancona che affiancheranno i dipendenti di Anconambiente per curare e custodire la piazza.

Uno spettacolo durato oltre sei ore e mezzo, con interpreti del vernacolo anconetano quali Rosanna Vaudetti e Giuseppe Bartolucci. Per tutto il tempo, gli anconetani che hanno affollato la piazza sono rimasti con lo sguardo per aria, ammaliati dagli spettacoli di danza aerea. Poi, dopo la performance della Compagnia dei Folli e alla conclusione delle tante iniziative collaterali (Tai-Chi con i centri estivi al Passetto, claownerie della Fondazione Salesi al Viale, hip-hop di fronte a Palazzo del Popolo e ginnastica artistica in piazza Roma), ecco venire via, poco dopo le 22.30, il telo e la restituzione alla città di Camillo Benso e dei bassorilievi presenti sul suo basaento.





Questo è un articolo pubblicato il 23-07-2016 alle 10:30 sul giornale del 25 luglio 2016 - 3786 letture