contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Falconara: esalazioni nauseabonde in città, Lodolini: "Non più sopportabili"

1' di lettura
3214

Emanuele Lodolini

A Falconara Marittima non più sopportabili le frequenti esalazioni nauseabonde. Domenica 28 agosto per l'ennesima occasione noi cittadini di Falconara M. abbiamo dovuto fare i conti con il ripetersi di nauseabonde esalazioni tipiche della lavorazione di idrocarburi - simili a gas - che si sono diffuse a partire dalle ore 10. Sul tema depositai una prima interrogazione parlamentare nel settembre 2013.

Migliaia di persone subiscono con frequenza il forte disagio di convivere con tali esalazioni. Tale problema è di impatto immediato e dirompente sulla vita di ciascuno di noi. A volte l'odore è tanto insopportabile da causare immediato disgusto e spesso ci si impone di stare in casa con finestre ermeticamente chiuse. Anche le attività produttive e il turismo risentono fortemente del problema. Inoltre tali esalazioni rappresentano un potenziale attentato alla incolumità pubblica, in quanto tali emissioni potrebbero recare sostanze tossiche; circostanza questa che ha generato un diffuso allarme sociale, ansia e preoccupazione in ciascuno di noi, ed in tutti gli abitanti della zona.

I Vigili del Fuoco, nella giornata di domenica 28 agosto, giunti da Ancona hanno iniziato una serie di sopralluoghi con i rilevatori di gas poiché le segnalazioni concitate dei cittadini parlavano di odore forte di gas. Alla fine, da quanto si apprende dalla newsletter inviata da Onda Verde Onlus, si sarebbero ritrovati alla raffineria API insieme ai tecnici dell'ARPAM e dall'interno della raffineria API il tecnico ARPAM avrebbe risposto che il problema sarebbe stato individuato proprio lì.

Su quanto accaduto presenteró nuova e specifica interrogazione parlamentare per conoscere nel dettaglio quanto accaduto e ho richiesto un incontro urgente al Direttore generale Arpam Marche



Emanuele Lodolini

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-08-2016 alle 16:09 sul giornale del 30 agosto 2016 - 3214 letture