contatore accessi free

Rimborsi Tari, Berardinelli (Forza Italia): “Invito i cittadini a presentare domanda di rimborso”

2' di lettura Ancona 25/09/2018 - Il Consigliere Comunale Daniele Berardinelli contro la strategia dell’amministrazione: “Il buco lasciato dall’errore va saldato dai fondi del bilancio comunale”

Parla chiaro secondo il Consigliere Berardinelli il parere della Corte dei Conti Lombarda al Comune di Milano del 9 maggio 2018 riguardo all’appianamento del debito lasciato dai rimborsi dell’errato conteggio della Tari. Una lettura, secondo Berardinelli, destinata a fare giurisprudenza nella giungla del caos dei rimborsi della Tari. “È impensabile recuperare quei fondi da chi aveva pagato di meno e non ci sembra neanche a norma di legge. Si rischia di incorrere in ricorsi per migliaia di casi, ricorsi che molto probabilmente verrebbero vinti”.

Quindi secondo la lettura del Consigliere Comunale Berardinelli l’amministrazione dovrebbe prepararsi ad appianare il buco lasciato dai rimborsi TARI attingendo al bilancio. “È incredibile che ancora l’amministrazione non si sia curata di prevedere nel bilancio la cifra dei rimborsi Tari, sostenendo tra l’altro che ancora non ci siano cifre esatte, cifre che su richiesta dell’amministrazione Ancona Entrate Potrebbe calcolare. Stiamo valutando anche se segnalare al Prefetto i revisori dei conti, che nel bilancio consuntivo del 2017 non minimante segnala il debito della Tari, giustificandosi che secondo loro non si sarebbe trattato di un debito”.

Solo il giorno prima la Mancinelli durante un’intervista asseriva invece che i rimborsi Tari sarebbe arrivati nel 2019, in maniera automatica (senza bisogno di presentare ricorso), come conguaglio nella seconda rata della tassa Tari. “A volte i cittadini anconetani sono troppo buoni e solo 140 famiglie hanno presentato richiesta di rimborso credendo alle parole del Sindaco, ma secondo il citato parere della Corte dei Conti della Lombardia non sarà possibile fare il conguaglio. Per questo invito tutti i cittadini a presentare domanda di rimborso come illustrato sul sito di Ancona Entrate”.

Esiste anche un altro motivo secondo il Consigliere per presentare la domanda: “Se verranno presentate abbastanza domande l’Amministrazione dovrà a quel punto prendere provvedimenti immediati. Per ora solo in 144 su 16 000 hanno presentato domanda di rimborso, domande alle quali non è stata data nessuna risposta e che quindi verranno contestate al comune dalla Commissione Tributaria Provinciale, che condannerà il Comune non solo alle spese del rimborso Tari ma anche a spese legali con un esborso moltiplicato per le casse comunali. Se i rimborsi presentati dai cittadini saranno abbastanza si potrà fare pressing sull’amministrazione e convincerla ad adottare misure immediate”.

Il Confronto tra il Consigliere di Forza Italia, in linea con il resto dell'opposizione, e l'amministrazione continuera nel Consiglio Comunale di mercoledì 26 settembre, mentre l'amministrazione nella serata di martedì ha reso nota la propria posizione con un comunicato stampa (LINK).


di  Filippo Alfieri
redazione@vivereancona.it





Questo è un articolo pubblicato il 25-09-2018 alle 19:50 sul giornale del 26 settembre 2018 - 1386 letture

In questo articolo si parla di politica, ancona, articolo, Filippo Alfieri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/aYJM





logoEV
logoEV