contatore accessi free

Ancona arriva Farmaco Amico

5' di lettura Ancona 21/11/2018 -

Dal gennaio 2014 l’Amministrazione comunale di Ancona, attraverso l'Assessorato alle Politiche Sociali, ha avviato un processo di coinvolgimento e coordinamento delle agenzie del terzo settore già attive localmente e sul territorio regionale, facendosi promotrice della costituzione di una rete “attiva” denominata ANCONA CITTA'...IN COMUNE impegnata a costruire un circuito di solidarietà, cooperazione e confronto. Lo scopo principale condiviso è stato trovare soluzioni in co-progettazione per dare risposte concrete ai crescenti bisogni “primari” di tanti cittadini di Ancona e della Regione Marche, italiani o stranieri e sperimentare, attraverso questo metodo partecipativo, nuovi percorsi di collaborazione tra servizi pubblici, volontariato e soggetti del privato sociale in un’ottica non solo di reinserimento ma anche di promozione di politiche di prevenzione dei nuovi bisogni. “Farmaco Amico” Tra i laboratori (Azione 4) è stato inserito Farmaco Amico, un progetto che vede in rete Comune di Ancona, Banco Farmaceutico, Rotary Club Ancona Conero e Ordine dei Farmacisti Provinciale. Con il progetto si intende raccogliere farmaci in corso di validità per offrire una risposta a persone indigenti, che sono fuori dai circuiti del Servizio Sanitario nazionale e/o che non possono procurarsi i farmaci per gravi situazioni socio-economiche, assicurando il miglioramento della qualità della vita a persone in situazione di bisogno. Come si articola “Farmaco Amico”? Attraverso la raccolta e la redistribuzione di farmaci in corso di validità, correttamente conservati e le cui confezioni siano ancora integre, in possesso dei cittadini che intendono donarle per finalità di solidarietà e di assistenza. Banco Farmaceutico distribuirà poi agli enti e cooperative nel territorio i farmaci raccolti a seconda delle convenzioni stipulate (LA GEMMA Cooperativa Sociale, L’IRS L'AURORA, Caritas, Santissima Annunziata, ecc). I farmaci sono poi distribuiti a persone e nuclei a rischio di marginalità sociale, e che non possono per difficoltà economiche acquistare direttamente medicinali o ausili. Tale progetto è reso possibile anche grazie all’accordo di collaborazione del luglio 2018 tra Fondazione Banco Farmaceutico Onlus e Intesa Sanpaolo che con il Programma “Sistema di Solidarietà Nazionale dei Farmaci”, ha permesso il rafforzamento dell’attività del Banco dove questo è già operante e l’attivazione di nuovi centri di raccolta e distribuzione di farmaci in nuove città tra le quali, appunto, Ancona. Un accordo quadriennale che è tra i capisaldi del Programma Intesa Sanpaolo per i Bisognosi inserito nel Piano di Impresa 2018-2021 della banca, che individua tra i suoi obiettivi anche la distribuzione di 3.000 medicinali al mese.

“La responsabilità sociale, la solidarietà e la coooperazione – sottolinea l'Assessore alle politiche sociali e alla Salute, Emma Capogrossi- si possono e si devono condividere ed è proprio quando pubblico e privato si uniscono – come in questo caso- che si possono ottenere i migliori risultati. Questo è il metodo che l'Amministrazione comunale sta proponendo negli ultimi anni e che ha permesso di costruire una rete di protezione capace di realizzare interventi di sostegno alle tante persone che a causa della grave crisi economica si trovano in una condizione di vulnerabilità.”

“Il Rapporto sulla povertà sanitaria che abbiamo presentato di recente- afferma Sergio Daniotti, presidente della Fondazione Banco Farmaceutico onlus- fotografa una situazione preoccupante: le famiglie povere spendono in farmaci il 54% del proprio budget sanitario (contro il 40% delle altre) perché investono meno in prevenzione. Complessivamente, nel 2018, 539.000 persone in stato di indigenza non hanno avuto un reddito sufficiente per curarsi. Di loro, si sono prese cura gli enti circa 1.800 enti assistenziali sostenuti da Banco Farmaceutico. Grazie al Recupero Farmaci Validi, e grazie al sostegno di Intesa Sanpaolo, chiunque può aiutare a curarsi una persona a curarsi. Si tratta di un gesto semplice, che impone solamente un piccolo sforzo di memoria (ricordarsi dei farmaci che non si utilizzano più) a fronte di un grande risultato”.

“Il sostegno del nostro Gruppo all’economia italiana – spiega Elena Jacobs, Responsabile Valorizzazione del Sociale e Relazioni con le Università Intesa Sanpaolo- non può trascurare chi si trova ad affrontare situazioni di difficoltà ed il contrasto alle disuguaglianze. Nel nostro Piano di Impresa abbiamo previsto azioni specifiche e concrete a sostegno di coloro che si trovano in condizioni di povertà e disagio sociale, nel cui ambito rientra appunto la collaborazione con il Banco Farmaceutico per la raccolta e redistribuzione di quasi 150mila medicinali ancora validi nell’arco di quattro anni. Siamo orgogliosi di essere parte di una sinergia virtuosa grazie alla quale oggi si presenta l’avvio del progetto Farmaco Amico ad Ancona”.

Gli obiettivi generali del progetto sono: − miglioramento dello stato di salute della popolazione indigente del Comune di Ancona attraverso la lotta alla povertà sanitaria. − Risparmio della spesa sanitaria dovuta a farmaci. − Riduzione dell’inquinamento da farmaci e riduzione della spesa per lo smaltimento dei ​farmaci scaduti e realizzando inoltre un significativo risparmio delle risorse. L'oggetto della raccolta sono farmaci validi e non ancora scaduti con confezioni integre e con foglietto illustrativo. Sono esclusi farmaci appartenenti alle seguenti categorie: • tabelle dei medicinali e delle sostanze stupefacenti e psicotrope (D.L. n.36 del 2014), • farmaci ospedalieri (fascia H); • farmaci da conservare a temperature controllate (catena del freddo); • farmaci che contengono principi attivi vietati per motivi legati alla salute pubblica. Il progetto sarà attuato in via sperimentale e saranno coinvolte sette farmacie della città di Ancona e una fuori comune: Farmacia San Giorgio (via Giannelli Ancona); Farmacia Tomassini (Aspio Ancona); Farmacia Sciarrillo (via Ascoli Piceno 23, Ancona); Farmacia Palmieri e Gaffuri (c.so Garibaldi 62, Ancona); Farmacia Dubbini (c.so Amendola 26 Ancona); Farmacia Valla (C.so Garibaldi Ancona); Farmacia Dorica Settimi (Via dell'Industria 4) Farmacia Mannucci ( Via G. Galilei 2 Falconara Marittima)








Questo è un articolo pubblicato il 21-11-2018 alle 19:38 sul giornale del 22 novembre 2018 - 1802 letture

In questo articolo si parla di attualità, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/a1DC





logoEV
logoEV
logoEV