contatore accessi free

Truffa: consegnavano calendari, derubata anziana in via Scrima

2' di lettura Ancona 16/12/2018 - Con la scusa di consegnare i calendari della Croce Gialla per beneficenza, si sono fatti aprire la porta e ne hanno approfittato per derubare un’anziana. Caporalini avverte: “Da anni non avviene più il porta a porta”

La pronta segnalazione al 113 della vittima, che ha fornito una precisa descrizione, ha permesso alla polizia di arrestare i due balordi: padre e figlio osimani di 48 (L.F.) e 23 anni (N.F.), con precedenti (furto, spaccio) e noti per i loro problemi di tossicodipendenza. Sabato pomeriggio, attorno alle 17,30, sono entrati in un condominio di via Scrima, hanno afferrato alcuni calendari lasciati nella cassetta delle poste e hanno bussato a casa di una 79enne. «Signora, può lasciarci un’offerta da 5 o 10 euro?». L’anziana ha creduto alla loro buona fede. Ma come si è allontanata un attimo per andare a prendere i soldi dalla borsetta, i due malviventi sono entrati e hanno rubato una banconota da 50 euro che si trovava su un comodino, proprio all’ingresso dell’abitazione. Ricevuta l’offerta (6 euro) hanno ringraziato e se ne sono andati via frettolosamente. Subito dopo la nonnina si è resa conto di essere stata truffata e ha avvertito la polizia. Sul posto sono intervenute le Volanti, a cui ha fornito una minuziosa descrizione dei malviventi: il più grande era sdentato e indossava un inconfondibile giaccone firmato con una banda orizzontale chiara all’altezza del petto. L’altro aveva una sciarpa, un cappuccio e i capelli corti con un ciuffetto più alto davanti. I poliziotti si sono messi subito sulle loro tracce e li hanno intercettati in via Colombo, a poca distanza. Erano usciti fugacemente da un negozio della zona, probabilmente per mettere a segno altri raggiri. E’ stata l’anziana derubata a riconoscerli. I due sono stati arrestati per furto, truffa aggravata dalla minorata difesa della 79enne (che è anche invalida), resistenza e minacce a pubblico ufficiale. Sequestrati 85 euro dai loro portafogli, ritenuti frutto dell’attività illecita.

Alberto Caporalini, presidente della Croce Gialla di Ancona, avverte: «Fate attenzione, da anni la distribuzione non avviene più porta a porta, ma tramite un’agenzia che lascia i calendari nella cassetta delle lettere. Solo in occasioni particolari, come in corso Amendola dov’è presente la casa di Babbo Natale, la consegna avviene di persona da parte dei volontari della nostra associazione. Ogni altra forma di distribuzione non è autorizzata e invitiamo chi notasse situazioni anomale ad avvertire noi e le forze dell’ordine».






Questo è un articolo pubblicato il 16-12-2018 alle 13:42 sul giornale del 17 dicembre 2018 - 1374 letture

In questo articolo si parla di cronaca, ancona, porta a porta, articolo, truffacalendari

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/a2vP





logoEV
logoEV