Lo minaccia con un coltello e lo massacra di botte, giovane nei guai

Ancona 13/01/2019 - L’ha minacciato con un coltello e l’ha pestato fino a fargli perdere i sensi. Un regolamento di conti, avvenuto venerdì notte a Civitanova. All’ospedale è finito un clandestino di 27 anni, tunisino e senza fissa dimora. Nei guai, un anconetano di 28 anni che insieme a un 51enne di Loreto è stato intercettato e denunciato dai carabinieri per rapina e lesioni personali.

L’aggressione è avvenuta nei pressi della rotatoria di San Marone, nella notte tra venerdì e sabato, attorno all’una. Secondo la ricostruzione dei carabinieri di Civitanova, guidati dal maggiore Ezio Marinelli, i tre si erano dati appuntamento nei pressi di un distributore di benzina: il tunisino avrebbe dovuto vendere due cellulari alla coppia di amici. A un certo momento, la trattativa si è interrotta: i due italiani avrebbero strappato dalle mani dell’extracomunitario uno smartphone del valore di 400 euro. «E’ il saldo dei soldi che ci deve il tuo amico», gli avrebbero detto. Insomma, una somma per un debito non onorato da una terza persona che avrebbe fatto da intermediario. L’aggressione è scoppiata nel momento in cui il 27enne si è rifiutato di mollare il cellulare. Sarebbe stato minacciato con un coltello a serramanico lungo 10 centimetri, ritrovato sul posto dai carabinieri, per poi essere raggiunto da una raffica di calci e pugni, fino a svenire. Vista la gravità della situazione, sono stati proprio l’anconetano e il loretano a caricare il ferito e a portarlo al pronto soccorso dell’ospedale di Civitanova. Le sue condizioni fortunatamente non sono gravi: è stato dimesso con 20 giorni di prognosi, ma ora verrà espulso dall’Italia (è già stato accompagnato al centro di permanenza per il rimpatrio di Caltanissetta). I due italiani, invece, sono stati denunciati per rapina e lesioni personali.






Questo è un articolo pubblicato il 13-01-2019 alle 01:09 sul giornale del 14 gennaio 2019 - 2191 letture

In questo articolo si parla di cronaca, rapina, ancona, civitanova, aggressione, cellulare, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a3dH