contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Barriere Rfi: le Giunte comunali di Ancona e Falconara insieme per chiedere soluzioni alternative

2' di lettura
712

Il Comune di Ancona e quello di Falconara si riuniscono per arrivare a un’azione congiunta di contrasto alle barriere fonoassorbenti progettate da Rfi, che dovrebbero isolare la ferrovia dall’abitato di via Flaminia per ridurre l’inquinamento acustico, ma penalizzerebbero il paesaggio perché, alte fino a 10 metri, impedirebbero la vista del mare e potrebbero aggravare l’inquinamento ambientale lungo la principale strada costiera dei due territori.

Lunedì mattina a Palazzo del Popolo di Ancona, le Giunte comunali di Ancona e Falconara si sono riunite in seduta congiunta per approvare un documento condiviso, con il quale si impegnano Rfi e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti affinché vengano trovate soluzioni alternative per ridurre l’inquinamento acustico senza penalizzare tanto i territori, prendendo in considerazione il coinvolgimento nell'iniziativa degli altri Comuni costieri della fascia Adriatica.

Negli ultimi giorni, dopo i primi contatti del sindaco falconarese Stefania Signorini con il sindaco Valeria Mancinelli e con l’assessore anconetano ai Lavori pubblici Paolo Manarini, l’assessore all’Urbanistica del Comune di Falconara, Clemente Rossi, aveva avviato un confronto costante con il vicesindaco anconetano Pierpaolo Sediari (con delega all’Urbanistica), culminato in un incontro operativo cui hanno partecipato anche gli assessori ai Lavori pubblici dei due Comuni (Valentina Barchiesi per Falconara e Paolo Manarini per Ancona) e i tecnici anconetani e falconaresi.

A Falconara la battaglia era partita a metà novembre, quando Rfi aveva pubblicato su alcuni quotidiani un piccolo annuncio per avvertire i proprietari degli espropri dei loro terreni per la realizzazione delle barriere. Cittadini e amministrazione comunale si sono mobilitati contro la realizzazione dell’opera, che danneggerebbe non solo chi vive a ridosso della ferrovia, ma tutta la comunità.

Contro l’opera si è costituito un comitato, ‘No al muro, sì al mare’, che ha avviato una petizione arrivata a oltre 2.500 firme. A margine della seduta odierna, infine, le due giunte hanno stabilito di richiedere congiuntamente un incontro con il Ministero e con l'ANAS in merito al progetto del raddoppio a quattro corsie della variante alla Statale 16, con l'obiettivo di superare una empasse che riguarda una infrastruttura fondamentale per la viabilità del territorio.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-01-2019 alle 18:19 sul giornale del 22 gennaio 2019 - 712 letture