contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
articolo

I costi della Bomba. 25 mila euro la parte del Comune

2' di lettura
3117

Il Forzista Daniele Berardinelli interroga in consiglio l'Assessore Stefano Foresi sui costi sostenuti dal Comune per l'evacuazione del 20 gennaio.

Quali sono state le spese sostenute dall'Amministrazione comunale per l'evacuazione dei 12 mila cittadini in occasione dell'evacuazione del 20 gennaio? La domanda è stata pota dal Consigliere comunale di Forza Italia Daniele Belardinelli in occasione del consiglio comunale, a rispondere l'Assessore alla Protezione Civile Stefano Foresi.

Un'operazione che ha visto collaborare numerosi enti e Associazioni con una mobilitazione quasi inedita per il capoluogo dorico. Sotto i costi sostenuti dal Comune e riepilogati dall'assessore rientrano il trasporto e l'ubicazione delle 119 persone allettate o con difficoltà di movimento, la stampa dei materiali per avvertire la popolazione, la preparazione della cava di Jesi dove l'ordigno è stato fatto brillare, la copertura e la pulizia delle strutture utilizzate per accogliere gli evacuati e il trasporto pubblico degli stessi, oltre a le derrate di acqua e alimenti, pagate però a consumo (ciò che non viene consumato si restituisce senza pagare n.d.r.). Il totale delle spese sostenute dall'amministrazione è di 20 mila e 6 euro riepiloga l'Assessore con precisione centesimale e commenta “Credo sia stato fatto un buon lavoro”.

Di tutt'altra opinione è Belardinelli: “È stato sovrastimato il flusso reale presso le strutture di accoglienza. C'erano più assistenti che evacuati e migliaia di posti per solo poche centinaia di persone”. Uno spreco di risorse e di volontariato per il Consigliere di Forza Italia che sottolinea l'impatto inquinante della plastica delle 6 mila bottiglie di acqua pronte al Palarossini “Il Consiglio comunale ha approvato un regolamento plastic free, ma l'amministrazione sembra non ricordarsene. Quelle 6 mila bottiglie gridano vendetta. Chiederò copia delle spese di consumo. Il Comune di Ancona si conferma incapace di seguire grandi eventi”.



Questo è un articolo pubblicato il 26-01-2019 alle 01:44 sul giornale del 28 gennaio 2019 - 3117 letture