contatore accessi free

Morto carbonizzato ad Agugliano, domani l'addio a Cesare Ricchi

1' di lettura Ancona 27/02/2019 - Era stato tradito dal vento mentre stava dando fuoco alle sterpaglie. Le fiamme l’hanno avvolto e non gli hanno dato scampo.

Gli accertamenti tecnici hanno confermato che il corpo carbonizzato, ritrovato sabato scorso ad Agugliano, è quello di Cesare Ricchi, anconetano di 74 anni. Non c’erano molti dubbi, ma la magistratura ha dovuto trattenere la salma fino a quando non si è giunti al riconoscimento ufficiale.

L’uomo, impegnato nel sociale, stava lavorando nella sua tenuta agricola, dove aveva creato trent’anni fa un parco botanico ribattezzato Ara Gaia, quando è stato avvolto dalle fiamme, alimentate da forti raffiche di vento, mentre dava fuoco a delle sterpaglie.

Una tragedia che ha colpito profondamente la comunità di Agugliano, dov’era molto conosciuto. I funerali si terranno domani (giovedì) alle ore 15 nella chiesetta di Castel d’Emilio, la frazione in cui Ricchi viveva.


di Matteo Ripanti
   redazione@viverancona.it





Questo è un articolo pubblicato il 27-02-2019 alle 15:16 sul giornale del 28 febbraio 2019 - 2286 letture

In questo articolo si parla di cronaca, ancona, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/a4Jc





logoEV
logoEV