contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
articolo

Fermato al porto con in auto 200 volatili appartenenti a specie protette, denunciato

1' di lettura
457

La Guardia di Finanza di Ancona, in collaborazione con l'Agenzia delle Dogane, ha rinvenuto e sequestrato Al porto 208 uccelli appartenenti a specie esotiche protette, la cui commercializzazione avrebbe consentito guadagni illeciti per circa 20mila euro.

I pennuti sono stati ritrovati in seguito ad un controllo eseguito nei confronti di un cittadino italiano appena sbarcato con la propria auto da un traghetto proveniente dalla Grecia. Gli animali, in condizioni di salute precarie, erano stipati all'interno della vettura, in anguste gabbie di legno non idonee al trasporto. I finanzieri hanno trovato all'interno dell'auto anche dell'attrezzatura idonea all’inanellamento di frodo, finalizzato a mascherare gli estremi di identificazione dell’allevatore, la provenienza, l’età e la dimensione dell’animale.

A giustificazione del trasporto, l'uomo ha esibito soltanto un certificato, non valido per la legislazione italiana, rilasciato da un veterinario greco, nel quale era peraltro riportato un numero inferiore di volatili, appartenenti ad una sola specie.

Al termine degli accertamenti, cui ha preso parte anche personale veterinario dell’Asur, il conducente è stato denunciato per il reato di maltrattamento di animali, aggravato dal decesso di alcuni di essi, e per detenzione di volatili tutelati da convenzioni internazionali. Successivamente gli uccelli sono stati rimessi in libertà nel loro ambiente naturale.



Questo è un articolo pubblicato il 06-06-2019 alle 15:23 sul giornale del 07 giugno 2019 - 457 letture