Vecchietti (M5S): ''La stazione marittima si può ripristinare, facciamo partire la metropolitana di superficie''

stazione marittima di Ancona 2' di lettura Ancona 18/11/2019 - Durante il convegno promosso dall’associazione "Vistamare" di sabato 16 novembre scorso, l’Amministratore delegato di Aerdorica, ing. Carmine Bassetti, ha mostrato come si possa utilmente ripristinare la linea ferroviaria appena smantellata che dalla Stazione centrale conduce alla Stazione Marittima.

Basterebbe invertire la sede stradale con la linea ferroviaria e scomparirebbero i tre punti critici dei passaggi a livello posizionati all’ingresso del Mandracchio, al Lazzaretto e nel varco doganale sul molo Da Chio. L’interesse da parte di Aerdorica è notevole, perché l’afflusso delle crociere porterà in Aeroporto nei prossimi anni 500.000 persone che avrebbero grande vantaggio ad utilizzare la Stazione ferroviaria dell’Aeroporto già esistente ma inutilizzata, per giungere con grande facilità in Porto.

Ma anche la città ne trarrebbe grande giovamento, perché potrebbe finalmente nascere la metropolitana di superficie, un treno urbano capace di collegare il centro di Ancona con l’hinterland e non solo, che consta di un validissimo progetto iniziato nel 1994 con un accordo di programma tra Regione Marche, Provincia di Ancona, Rete ferroviaria italiana e addirittura 32 Comuni dell’area urbana di Ancona, ma mai portato a compimento. Infatti, dopo una spesa di circa 2 milioni di euro per la costruzione delle stazioni di Ancona Stadio e Camerano Aspio tutto si è bloccato e la Stazione Marittima è stata addirittura smantellata.

Come mostrato nel convegno dall’ing. Appetecchia dell’ISFORT (Istituto Superiore di formazione e ricerca per i trasporti) il Comune di Ancona ha un indice di veicoli per abitante superiore alla media italiana che risulta a sua volta di molto superiore alla media europea. Ovviamente anche le emissioni di CO2 sono sensibilmente superiori alla media italiana.

Ma a fronte di questi dati, i cui risultati di traffico cittadino, caos mobilità e smog sono sotto gli occhi di tutti, la miope visione dei nostri amministratori è quella di costruire nuovi parcheggi (vedi il parcheggio multipiano San Martino) che a fronte di una spesa di circa 2,3 milioni di euro per ora preventivati, produrrà una novantina di parcheggi in più (ben 25.500 euro a posto auto). Ma la sindaca migliore del mondo non sa che, come dice anche "The Economist", i parcheggi sono attrattori di traffico e ogni posto auto in più è un’auto in più che cercherà di raggiungerlo?

Perché non si spendono tutti quei soldi per far partire la metropolitana di superficie, potenziare i mezzi pubblici ed incentivare l’uso dei parcheggi scambiatori? Ogni auto tolta al traffico cittadino migliora la qualità della vita di tutti, abitanti o visitatori che siano.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-11-2019 alle 18:07 sul giornale del 19 novembre 2019 - 2267 letture

In questo articolo si parla di politica, ancona, stazione marittima, stazione marittima di Ancona, Gruppo Consiliare M5S Ancona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bcXN





logoEV
logoEV