contatore accessi free

“In viaggio col Piccolo Principe”, la mostra di Elisa Latini al Museo Omero visitabile nel periodo natalizio

2' di lettura Ancona 21/12/2019 - Sarà visitabile anche durante il periodo natalizio la mostra di Elisa Latini, “In viaggio col Piccolo Principe: non si vede bene che con il cuore” esposta al Museo Tattile Statale Omero di Ancona. Inaugurata il 7 dicembre, alla presenza dell’artista, la mostra sta riscuotendo un buon successo di pubblico.

Si tratta di una mostra itinerante che vede ad Ancona la sua terza tappa, dopo quelle di Lione e Roma. La mostra di sculture tattili è una esposizione dal valore artistico oltre che sociale. L’idea è quella che l’arte sia rivolta a tutti e quindi vedenti, ipovedenti e non vedenti, possono goderne.

Il progetto è stato infatti realizzato in collaborazione con l'Unione Nazionale Ciechi e Ipovedenti di Lione e il Museo Tattile Statale Omero di Ancona; le opere sono state concepite per essere fruite anche da non vedenti e ipovedenti grazie a materiali, supporti e accorgimenti tecnici pensati a questo scopo.

Elisa Latini attraverso l’esposizione reinterpreta il celebre racconto di Saint-Exupéry, proponendone i significati in un’interpretazione davvero tutta nuova.

L’esposizione è concepita in modo che ogni visitatore assuma le vesti del Piccolo principe e faccia da bendato tramite l’esperienza tattile gli stessi incontri presenti nel racconto. L’artista, infatti, ha voluto dare alla mostra un taglio tanto particolare in onore delle celebri parole di Saint Exupéry: “… non si vede bene che col cuore, l’essenziale è invisibile agli occhi”, che così chiaramente esprimono la complessità dei rapporti umani e allo stesso tempo la necessità e l’importanza di affidarsi a dei sensi “altri” rispetto a quello della vista.

La poetica che soggiace alla mostra, coglie anche un altro aspetto che emerge dalla celeberrima opera Saint-Exupéry: l’accorato richiamo al recupero della parte più fanciulla e pura di noi, appello che risuona nelle parole: “tutti i grandi sono stati bambini una volta, ma pochi di essi se ne ricordano”.

Elisa Latini ha scelto di interpretare tutti personaggi del romanzo nelle sembianze di fanciulli, prendendo a modello i giovani e giovanissimi partecipanti alle sue attività laboratoriali presso l’Associazione artistica “Il Camaleonte” di Jesi. E così l’aviatore della storia, il monarca, l’uomo d’affari sono stati caratterizzati dalle sembianze di bambini noti all’artista, che li ha “trasferiti” all’interno delle sue sculture.

Da sottolineare come l’artista lavori con pezzi unici andando in particolare alla ricerca di materiali naturali e tecniche ecosostenibili, un aspetto che richiede un lavoro di ricerca e sperimentazione esso stesso.

La mostra al Museo Tattile Omero di Ancona sarà visitabile fino al 6 gennaio.

Ingresso libero
Orario: dal martedì al sabato 16 - 19
domenica e festivi 10 - 13 e 16 - 19
1° gennaio ore 16 - 19
ultimo ingresso ore 18.30
Chiuso: lunedì; 24, 25 e 31 dicembre









Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-12-2019 alle 00:02 sul giornale del 23 dicembre 2019 - 351 letture

In questo articolo si parla di cultura, museo omero, elisa latini, mostra tattile

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bekG





logoEV
logoEV
logoEV