Consegnati alla Protezione civile i dispositivi medici di ventilazione sequestrati al porto

1' di lettura Ancona 26/03/2020 - Sono stati consegnati alla Protezione civile regionale i quasi duemila componenti respiratori per la terapia intensiva che erano stati sequestrati al porto di Ancona dai funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli in collaborazione con i militari della Guardia di Finanza,

Il carico, 1.840 componenti essenziali dei macchinari utilizzati per la respirazione artificiale nell’ambito delle cura di terapia intensiva, era stato intercettato in un tir pronto all'imbarco verso la Grecia. Il rappresentante legale dell'azienda italiana, con sede in provincia di Milano, che ha tentato la vendita di tali dispositivi medici ad una società greca, è stato denunciato per violazione dell’art. 650 c.p. per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità.

I dispositivi sanitari sono stati requisiti e consegnati alla Protezione Civile della Regione Marche, con immediata applicazione dell’Ordinanza 1/2020 della Presidenza del Consiglio dei Ministri, che individua l’Agenzia Dogane Monopoli quale soggetto attuatore degli ordini di requisizione del Commissario straordinario per l’emergenza COVID-19.








Questo è un articolo pubblicato il 26-03-2020 alle 12:18 sul giornale del 27 marzo 2020 - 586 letture

In questo articolo si parla di cronaca, protezione civile, sequestro, porto di ancona, marco vitaloni, articolo, coronavirus, agenzia dogane

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bir2





logoEV