contatore accessi free

Mascherine e guanti gettati in strada: un esempio di pericolosa inciviltà

1' di lettura Ancona 22/04/2020 - La pandemia, che sta colpendo duramente anche la nostra regione, ha costretto tutti i cittadini ad usare i dispositivi di protezione individuale in forma massiccia.

Milioni e milioni di mascherine e guanti monouso vengono consumati in Italia e nel mondo in questi giorni, e tutto lascia pensare che anche nei prossimi mesi il loro utilizzo sarà fortissimo. Chiunque esca di casa non avrà potuto fare meno di notare grandi quantità di guanti abbandonati in strada, sui marciapiedi, in mezzo alle erbe alte che costeggiano le strade secondarie. Non solo, ma anche le mascherine compaiono in buon numero.

Sono oggetti che potrebbero finire, tramite la rete fognaria, ad alimentare l’inquinamento del mare, oppure restare semplicemente dove sono, come le bottiglie di plastica, in “attesa”. Si tratta di comportamenti irresponsabili e che potrebbero anche essere potenzialmente pericolosi dal punto di vista sanitario: pertanto si fa appello a tutti i cittadini di non abbandonare tali dispositivi nell’ambiente, ma di smaltirli correttamente seguendo le indicazioni date dalle aziende che si occupano di raccolta dei rifiuti (nell’indifferenziato).


da Il Pungitopo
Circolo di Legambiente




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-04-2020 alle 16:41 sul giornale del 23 aprile 2020 - 252 letture

In questo articolo si parla di attualità, inquinamento, Il Pungitopo, comunicato stampa, mascherine

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bj8y





logoEV
logoEV
logoEV