Falconara, Federici (IV) sulla piscina comunale: "Il sindaco non risponde nel merito”

2' di lettura Ancona 20/04/2021 - Il Sindaco di Falconara alla nostra lettera aperta sulla Piscina, documentata da precisi atti amministrativi, non risponde nel merito, ma parla d’altro, buttandola come si suol dire in “caciara”.

Nella sostanza dà la colpa dei ritardi e della confusione amministrativa nei lavori di rifacimento della copertura della Piscina, chiusa da oltre un anno, alla scarsità delle risorse ed alle precedenti amministrazioni dimenticando che è da ben 13 anni che il centro-destra governa la città, con la Signorini prima Assessore, poi Vicesindaco e da tre anni Sindaco. Nel caso specifico, quindi, “buttare la palla in tribuna”, non funziona perché le risorse per la Piscina sono state trovate ed indicate negli appositi capitoli di bilancio da oltre un anno (anche se in prima battuta si parlava di un mutuo con il credito sportivo), tanto che l’opera è già stata assegnata in appalto. Il motivo vero, quindi, non è la mancanza di risorse finanziarie ma l’inadeguatezza di questa Giunta nel gestire la ristrutturazione delle opere pubbliche. I falconaresi sanno che per tanti interventi futili e non prioritari la Giunta ha sempre reperito risorse!

Il Sindaco deve stare ai fatti e dare ai cittadini risposte pertinenti e di merito:

1. Perché non dice nulla sui 21 atti amministrativi (delibere di Consiglio, di Giunta, determine dirigenziali) prodotti dalla sua Giunta sulla questione Piscina (è un record che denota quanto meno un disordine amministrativo)?

2. Perché è stata cambiata per ben tre volte la tipologia del progetto, se non per confusione e superficialità di ordine tecnico?

3. Perché non parla del tipo di Piscina che riconsegnerà alla città dopo l’intervento di copertura con archi in legno e telo in PVC, che Italia Viva da tempo ritiene inadeguato e che prefigura una struttura declassata, ridimensionata e poco funzionale?

Per completezza di informazione, utile per un giudizio obiettivo sui fatti, riferiamo un ulteriore elemento, che secondo noi non conosce nemmeno il Sindaco, suggerito dal progettista dell’intervento nella relazione di calcolo, sotto forma di raccomandazione al Comune:

• Le porte scorrevoli della piscina devono essere chiuse in presenza di vento forte.

• La struttura deve esser evacuata in caso di trombe d’aria che comportino venti oltre normativa, come indicato testualmente nella relazione di calcolo.

Sarà il Sindaco in futuro a fare le previsioni sull’ intensità di eventuali trombe d’aria? La difesa d’ufficio dell’Assessore ai Lavori pubblici Barchiesi diventerà sempre più insostenibile quando si tratterà di parlare anche dei lavori della tribuna dello Stadio Rocchegiani, del recupero di alcuni edifici scolastici e dell’annoso problema degli sversamenti a mare, che la Giunta trascina da oltre 15 anni. Il Sindaco parli di fatti concreti e non faccia sempre affidamento sulla solita comunicazione di facciata, spesso non veritiera.


da Franco Federici
    Capogruppo Italia Viva





Questo è un articolo pubblicato il 20-04-2021 alle 13:26 sul giornale del 21 aprile 2021 - 788 letture

In questo articolo si parla di attualità, politica, falconara marittima, franco federici, articolo, italia viva, capogruppo italia viva falconara marittima

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bYqD





logoEV