Sirolo: all'area archeologica torna "Radici - Festival di Teatro al Tramonto"

4' di lettura 29/06/2021 - Il 9-10-11 Luglio 2021 presso l’Area Archeologica “I Pini” di Sirolo torna Radici, Festival di Teatro al Tramonto diretto dagli attori Francesca Berardi e Filippo Mantoni (Collettivo Collegamenti) in collaborazione con il Comune di Sirolo, la Pro-Loco Sirolo Riviera del Conero ed il sostegno di AMAT nell'ambito di TAU (Teatri Antichi Uniti).

Il Festival ha come obiettivo quello di radicarsi, aggrapparsi a ciò che nutre l’essere umano, abitare uno spazio di antica memoria con nuovi percorsi artistici e creativi. Il Festival è dunque pensato come uno spazio in cui essere accolti al tramonto per concedersi il privilegio di entrare in una dimensione “altra” grazie alla bellezza dello spazio archeologico della necropoli picena, alla natura del parco del Conero, all’arte visiva e performativa e ai prodotti del territorio.

Alle ore 18 quindi l’Area Archeologica apre le porte con un rituale di gusti, immagini e suoni, grazie alla mostra curata dal fotografo Luca Lucci, la musica del poli-strumentista Simone Bellezze dei Junky Town che sarà accompagnato l’ultima serata dalla voce e chitarra della band Giovanna de Nigris, con la degustazione di birre artigianali del Birrificio dei Castelli ed un assaggio delle pluripremiate “Patatas Nana”, chips artigianali 100% naturali. Sarà inoltre possibile visitare l’area archeologica, unico esempio marchigiano di necropoli Picena in cui è stata rinvenuta la “tomba della principessa di Sirolo”.

Il 9 luglio alle ore 18.00, in apertura del Festival, sarà possibile partecipare gratuitamente alla presentazione dell'area archeologica I Pini nell'ambito delle ricerche in corso a cura del Prof. Vincenzo Baldoni dell'Università di Bologna e del responsabile dell'area Dott. Stefano Finocchi della Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio delle Marche. Alle ore 19.30 iniziano gli spettacoli teatrali che spaziano dalla prosa alla danza. Questa seconda edizione porta al centro della riflessione il tema della casa, della perdita e ricerca della propria casa, delle proprie radici, dell’abitare ed identificarsi con un luogo, del vivere quotidianamente uno spazio che genera relazioni, pensieri, possibilità.

9 luglio [Prosa] in collaborazione con TAU/AMAT

ENEA PROFUGO

Lezione recitata di Franco Pezzini con Andrea Caimmi Uno spettacolo che, partendo dalla riflessione su un classico che ha attraversato tutte le epoche della cultura Occidentale e continua a essere attuale, ci parla di ieri e di oggi. Uno sguardo verso la vita di Virgilio, poeta dell’Impero e poeta disilluso, e un altro sguardo verso l’Eneide, l’epopea di una delle tante storie di migrazioni che hanno caratterizzato il collasso economico e sociale dell’Età del Bronzo. Uno sguardo, infine, ai giorni nostri e all’attualità, alla ricerca di cosa la letteratura classica può ancora comunicarci.

10 luglio [Teatro/Danza]

UN PO’ DI PIU’ di Bernabéu/Covello

I pezzi di una sedia disseminati sulla scena tracciano un percorso. Una danza che esplode in un minimo spazio vi tale vaticina l’imminente cambiamento. Ha inizio così la ricerca di un nuovo equilibrio precario, vivo e pulsante. I due personaggi si immergono in un viaggio alla scoperta di s e dell’altro at traverso una quotidianità densa e straordinaria fatta dai loro corpi, dai loro gesti e parole. Parole che diventano carne, danza che diventa racconto. Al centro del palco, un tavolo in equilibrio su un solo asse. Il suo oscillare scandisce le loro incertezze, le loro fragilità. Diventa terreno delle loro battaglie e della ricerca di una continua rinascita condotta con la veemenza del gioco e con la tenacia della preghiera. Una lotta costante contro la gravità, un viaggio che unisce la liricità del sogno, la brutalità dell’abitudine e l’inevitabilità della rottura. Solo un centimetro, solo un briciolo di forza in più e sarebbe il crollo.

11 luglio [Teatro contemporaneo]

3 X 3 – Tre storie x Tre Stanze di Francesca Berardi, con Agnese Barucca, Laura Pettinelli, Francesca Berardi

3 stanze di una casa che non esiste più. Una casa abbandonata. Un luogo della memoria, spettatore silenzioso di 3 vite che ne hanno attraversato gli spazi in epoche diverse, lasciando gli echi del proprio passaggio. Adele, Zelda e Marianna abitano con i loro corpi e le loro voci i luoghi del loro presente e dei propri ricordi e si dipanano, attraverso piccoli frammenti di una complessità da ricostruire, le loro affascinanti e controverse personalità.

Il biglietto di 12 euro comprende l’ingresso alla mostra fotografica con concerto a partire dalle ore 18.30, degustazione di birra e patatine artigianali lo spettacolo delle 19.30.

Si raccomanda l’acquisto in prevendita o la prenotazione: prenotazione: 0712072439 [AMAT] - 3479237933 [COLLEGAMENTI] acquisto online: www.vivaticket.com prevendite: 0712513864 [PRO LOCO SIROLO – p.zza V. Veneto]

PRE-FESTIVAL

Il giorno 8 luglio, dalle ore 17.00 – 20.30 sarà possibile iscriversi al workshop di teatro fisico [My Body Is A Temple], laboratorio site-specific dove corpo e spazio diventano luoghi sacri, templi da esplorare attraverso i quali accedere ad una dimensione extra-ordinaria, creativa ed evocativa. Informazioni ed iscrizioni: collegamenti.senigallia@gmail.com – 3479237933.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-06-2021 alle 16:16 sul giornale del 30 giugno 2021 - 303 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, sirolo, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b9n4