Falconara, Federici (IV): " Incertezze sulla sicurezza della nuova copertura della piscina comunale"

2' di lettura Ancona 25/07/2021 - L’odissea della Piscina comunale continua tra il proliferare di nuovi atti amministrativi (siamo passati da 21 a 25 tra delibere e determine), l’aumento dei costi rispetto alle previsioni iniziali ed i tempi di realizzazione che si allungano oltre ogni ragionevole motivazione tecnica.

Tutto ciò rappresenta l’emblema dell’improvvisazione e del dilettantismo della Giunta Signorini nell’affrontare un problema non particolarmente complesso, come quello del rifacimento della copertura della piscina in precarie condizioni dopo 35 anni di utilizzo. Sulle soluzioni tecniche scelte dalla Giunta, prima con pallone pressostatico e poi con copertura ad archi in legno e telo in Pvc, il gruppo di Italia Viva è intervenuto in piu’ riprese, nell’arco degli ultimi mesi, per segnalare l’inadeguatezza e la precarietà della soluzione tecnica adottata, rispetto ad una copertura tradizionale in legno o struttura metallica. Il maltempo di sabato 17 luglio c.a. che si è abbattuto su Falconara, con una paurosa tromba d’aria che ha investito il litorale danneggiando le attrezzature di alcuni stabilimenti balneari, ci ha fatto capire che gli effetti dei cambiamenti climatici cominciano a farsi sentire anche dalle nostre parti e non risparmiano la nostra cittadina. L’avvenimento ci riporta ai dubbi sollevati sul tipo di copertura scelta per la Piscina comunale, laddove lo stesso progettista Ing. Daniele Colleoni, incaricato dalla ditta affidataria dell’appalto EVOLPLAY Srl, nella relazione di calcolo a pag 115, “raccomanda di evacuare la struttura in caso di trombe d’aria che comportino venti oltre normativa”. Il fatto non puo’ essere sottaciuto e lasciato senza risposta, perché interessa la stabilità della struttura e l’incolumità degli utenti falconaresi che frequenteranno la piscina.

Alla luce di quanto sopra esposto, ho presentato un'interrogazione in Consiglio comunale per sapere se permane a tutt’oggi la raccomandazione del progettista, esplicitata nella relazione di calcolo, di evacuare la piscina in presenza di trombe d’aria, anche nel caso della prevista fornitura di “una copertura in Pvc in doppia membrana con prestazioni fisico-meccaniche migliorative rispetto a quanto previsto in progetto” (Det. Dirig. N. 434 del 20/4/2021). Si chiede al riguardo almeno una rettifica chiarificatrice e correttiva firmata dallo stesso tecnico. Nel caso il tecnico progettista non dia le garanzie di tenuta della copertura in Pvc in fase di realizzazione, nell’eventualità di trombe d’aria si chiede come intende la Giunta disciplinare l’utilizzo della piscina in quanto dovrebbe almeno programmarne la chiusura ad ogni previsione della protezione civile di maltempo particolarmente avverso nella nostra zona, considerata l’imprevedibilità di tali fenomeni. Anche tale soluzione, comunque inaccettabile e non priva di rischi, richiederebbe di fermare i lavori e di ripensare e rivedere l’intero progetto. Si chiede, pertanto, al Sindaco di esprimersi in merito.


da Franco Federici
    Capogruppo Italia Viva





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-07-2021 alle 19:23 sul giornale del 26 luglio 2021 - 792 letture

In questo articolo si parla di politica, falconara marittima, franco federici, italia viva, comunicato stampa, capogruppo italia viva falconara marittima

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cb3x





logoEV
logoEV