contatore accessi free

Premio Giovanni Paolo II, premiati ad Ancona Marcello Bedeschi e il cardinale Menichelli

3' di lettura Ancona 17/11/2021 - Si è svolta sabato scorso nella Cattedrale di San Ciriaco ad Ancona, alla presenza di S.E. Mons. Angelo Spina, la cerimonia di conferimento del “Premio Internazionale Giovanni Paolo II” alle 13 persone che hanno operato per aver tutelato e promosso la sacralità della vita.

Tra gli insigniti anche il Cardinale Edoardo Menichelli arcivescovo emerito di Ancona-Osimo e Membro della III Assemblea Generale Straordinaria del Sinodo dei Vescovi e il Dott. Marcello Bedeschi coordinatore nazionale dei direttori e segretari dell'Anci e uno dei principali collaboratori del Papa Santo e Membro del Pontificio Consiglio dei Laici. Il premio, organizzato dall’Associazione Socioculturale ad Indirizzo Artistico “Aglaia” di Scafati (Sa) con L’Unci di Treviso e Udine è giunto alla XVII edizione.

Tra i premiati anche Don Pasquale Didonna cappellano militare capo del comando Marina sud di Taranto, Maria Rita Coluccia Vice Prefetto di Brindisi, il dottor Aurelio Tommasi direttore sanitario del SUEM 118 di Crespano del Grappa (TV), l'Associazione Famiglie Down Marca Trevigiana, Roberto Schiavone Presidente di Humanitas Salerno, Eleonora Biasi di Corrugate (MI) che da una decina d'anni vive in Medio Oriente dove coordina 200 operatori dell’ ONG “Un ponte per” e opera nell'ambito della coesione sociale soprattutto nelle aree liberate dall'isis. Inoltre è stato conferito alla memoria un premio a Salvatore Canu , combattente e reduce di guerra e l’attestato di merito a Carlo Del Vecchio presidente e fondatore della sezione UNCI di Udine per aver costruito sinergie nel mondo del volontariato ed essersi impegnato in azioni per la salvaguardia della vita.

Le motivazioni che hanno spinto il comitato d'onore scientifico e culturale del Premio, diretto dal Generale Francesco Lupo e coadiuvato dal Presidente Unci di Treviso Gianni Bordin, a conferire i premi sono le seguenti.

Per S. Eminenza Rev. Cardinale Edoardo Menichelli: “Il Suo amore per la vita e per la famiglia, il Suo impegno per cercare di risolvere il problema dei matrimoni falliti e ridare la pace alle persone che hanno sperimentato un fallimento ed una famiglia disgregata, ne fanno un punto di riferimento per la sacralità della vita in armonia con i principi cristiani. Il Cardinale Edoardo Menichelli ha sempre servito con grande dedizione, umiltà, vicinanza e amore tutti, e ha avuto un'attenzione particolare per le persone più fragili”.

Per il Dott. Marcello Bedeschi: “La Sua vita è sempre stata ispirata a profondo senso civico ed innata generosità verso tutti. Si è distinto per l’organizzazione dei primi soccorsi e ricostruzione della citta a seguito del sisma del 1972. Con la stessa innata generosità ha seguito l’organizzazione delle Giornate Mondiali della Gioventù, incarico conferitogli direttamente da papa Wojtyla e poi da poi da Benedetto XVI. E’ stato uno dei principali collaboratori del Papa Santo".

Durante la cerimonia, che è stata preceduta dalla celebrazione eucaristica officiata dal Cardinale Menichelli è stata annunciata la premiazione di altre figure importanti del territorio nazionale: l'ingegner Carmine Carbone di Battipaglia in provincia di Salerno per il suo impegno nell'ambito della protezione civile; Giuseppe Gentile di Modena che sta operando in maniera attiva nel mondo della disabilità e alla memoria di Veronica Stile di Nocera (Salerno) che lo scorso anno al quarto mese di gravidanza è stata colpita dal coronavirus.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-11-2021 alle 16:16 sul giornale del 18 novembre 2021 - 179 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cuHq





logoEV
logoEV
qrcode