Come Creare un Sito

5' di lettura Ancona 06/12/2021 - Dopo averci pensato attentamente hai deciso di creare il tuo sito internet: Ottima scelta. Ai giorni nostri rimanere tagliati fuori dal mercato online, soprattutto se hai deciso di farlo per il tuo business, è una grave perdita in termini di visibilità.

Se stai leggendo questo articolo significa che non hai competenze in programmazione e che anche l’utilizzo dei nuovi sistemi per creare un sito è un territorio ancora ampiamente da esplorare. Altrimenti perché staresti facendo questa ricerca, giusto?

Grazie a questa guida cercheremo di darti tutte le informazioni di cui hai bisogno. Mettiti comodo, appuntati quanto segue e crea il tuo sito professionale in poche e semplici mosse.

  1. Creare un sito: Analisi preliminari

Prima ancora di iniziare a creare il tuo sito è importante avere in mente le caratteristiche principali della tua attività. Se non l’hai ancora fatto, è importante che tu abbia stabilito preventivamente dei fattori su cui si baserà il lavoro che ti aspetta:

  • Definisci la tua Brand image: Questo ti servirà per fare in modo che il sito e l’identità del tuo business siano coerenti

  • Analizza i tuoi competitor: Questa pratica è fondamentale per capire cosa si aspetta il mercato, prendere ispirazione e trovare punti in cui differenziarsi

  • Conosci il tuo target: Un sito internet è principalmente un canale di comunicazione, per fare in modo che essa sia efficace devi sapere a chi ti stai rivolgendo

  • Elabora il tuo Tone of Voice: Una volta che conoscerai a fondo le tre voci precedenti, potrai individuare la strategia di comunicazione migliore per il tuo sito.

  1. Creare una mappatura del sito

La mappatura del sito è uno dei processi fondamentali di creazione, è lo scheletro sul quale si sorreggerà il tuo lavoro. Avere una schematizzazione ordinata delle pagine aiuterà sia a migliorare la User Experience che ad agevolare il lavoro dei crawler dei motori di ricerca.

È come creare una mappa mentale che parte dalla tua home page e si dirama nelle varie pagine che comporranno il sito. In questa fase si iniziano già ad individuare le categorie che serviranno come contenitori per i vari argomenti, assicurati che siano ben ordinate e verrai ripagato.

  1. Scegliere un dominio per il tuo sito

La scelta del nome per il tuo sito potrebbe essere fondamentale per la buona riuscita della tua strategia. Assicurati di trovare un dominio che non sia troppo complicato e che richiami le parole chiave che ti rappresentano. Questo potrebbe fare la differenza e soprattutto sarà poi il tuo principale marchio di riferimento.

  1. Hosting, CMS, piattaforme di creazione siti

Gli Hosting e i CMS sono le piattaforme dove potrai creare il tuo sito in modo semplice e professionale. Una delle più famose in questo ambito è Wix, che può contare 150 milioni di clienti attivi in 190 paesi.

Come afferma la stessa piattaforma: “Che tu non abbia mai creato un sito o sia un esperto di web design, abbiamo quello che fa per te. Per iniziare, ci sono due opzioni: usare Wix Artificial Design Intelligence o utilizzare l’Editor di Wix per avere la totale libertà di creare quello che vuoi. E puoi anche aggiungere al tuo sito funzionalità avanzate grazie al Corvid di Wix.”.

  1. Scegliere il template per il tuo sito

Una volta che avrai sistemato le fondamenta del tuo sito, sarà il momento di dedicarsi alla parte grafica, partendo dalla scelta del template. Sulle piattaforme come Wix è possibile scegliere tra numerosi temi preimpostati secondo i canoni estetici più diffusi al momento. Cerca quello che più si allinea con il tuo tone of voice e con la tua strategia di comunicazione e scegli quello che ritieni più affine al tuo progetto. In questa fase è importante tenere in considerazione i colori che hai intenzione di utilizzare e cercare di mantenere una linea semplice se deciderai di modificarlo.

  1. Configurazione dei plugin e categorie

Ora che il tuo sito ha una struttura e un aspetto che rispecchia il tuo business è giunto il momento di fare gli ultimi aggiustamenti pratici. Come prima cosa è bene impostare le categorie che lo caratterizzeranno (ricordi quelle che abbiamo trovato facendo l’alberatura?), per renderlo ancora più ordinato.

Dopodiché potrai addentrarti nel magnifico mondo dei plugin.

Questi “programmi” sono delle funzioni aggiuntive che puoi inserire nel tuo sito per dotarlo di nuove funzionalità e possono essere sia gratuiti, che a pagamento.

Ne esiste uno per ogni evenienza, ma non farti prendere troppo la mano, se ne usi troppi rischi di appesantire il tuo sito e questo ti penalizzerà.

  1. Imposta gli ultimi aspetti tecnici del tuo sito

Finalmente il tuo sito è pronto per essere messo in rete, ma prima di fare ciò ci sono degli ultimi aspetti tecnici da mettere a posto, come:

  • inserire i cookie e la privacy policy

  • se il tuo sito è un e-commerce inserisci i termini e condizioni di vendita

  • immettere nel footer i dati del tuo business (P.Iva, contatti, ragione sociale)






Questo è un articolo pubblicato il 06-12-2021 alle 18:43 sul giornale del 06 dicembre 2021 - 43 letture

In questo articolo si parla di lavoro, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cyxF





logoEV
logoEV