Falsi vaccini: un avvocato e un ristoratore tra gli intermediari dell'infermiere arrestato

2' di lettura Ancona 11/01/2022 - Un avvocato anconetano, un ristoratore civitanovese, un imprenditore edile e una dipendente di un supermercato: sono queste le quattro persone finite ai domiciliari nell'inchiesta sulle false vaccinazioni al centro Paolinelli di Ancona

False vaccinazioni in cambio di soldi, dai 300 ai 450 euro, per far ottenere il Green pass a soggetti no vax, in tanti provenienti da fuori Regione. E che avvenivano con modalità sospette: persone che si presentavano al centro sportivo Paolinelli senza prenotazione, saltavano la fila e venivano accolte sempre dallo stesso infermiere. Tanto da indurre diversi addetti del centro vaccinale a rivolgersi alla polizia, facendo scattare le indagini.

L'inchiesta della Squadra mobile di Ancona ha portato all'arresto dell'infermiere Emanuele Luchetti, 50enne residente a Falconara e di altre quattro persone accusate di essere i procacciatori dei suoi "clienti". L'infermiere del Centro di salute mentale di Ancona, in servizio al Paolinelli, è finito in carcere, mentre per gli altri quattro sono stati disposti gli arresti domiciliari. Si tratta dell’avvocato anconetano Gabriele Galeazzi, l'imprenditore edile dorico Stefano Galli, il maceratese Daniele Mecozzi, titolare di un ristorante a Civitanova, e la romena Daniela Zeleniuschi, dipendente di un supermercato di Ancona. Secondo l'accusa, sono loro che hanno messo in contatto l'infermiere Luchetti con le persone disposte a pagare per ottenere il Green pass con una finta vaccinazione.

Per altre 45 persone il gip ha disposto l'obbligo di dimora: sono i soggetti accusati di aver pagato l'infermiere anconetano per le false vaccinazioni. Di questi 13 sono dell'Anconetano, 19 della provincia di Macerata e uno del fermano. Il resto arrivava da fuori regione, dalle province di Bologna, Foggia, Lecce, Milano, Padova, Pescara, Taranto, Torino, Padova e Pescara.

Oltre alle persone raggiunte da misure cautelari ce ne sono altre, circa una ventina che risultano indagate a piede libero. Tra queste c'è una dottoressa in servizio all’Agenzia regionale sanitaria: il suo ufficio in Regione è stato oggetto di perquisizione da parte dei poliziotti della mobile nella giornata di lunedì. La dirigente è indagata per i reati di corruzione, falso ideologico e peculato in concorso con Luchetti, con il quale era in contatto.


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite WhatsApp e Telegram di VivereAncona
Per Whatsapp aggiungere il numero 350 053 2033 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivereancona o cliccare su t.me/vivereancona






Questo è un articolo pubblicato il 11-01-2022 alle 13:39 sul giornale del 12 gennaio 2022 - 521 letture

In questo articolo si parla di cronaca, marco vitaloni, articolo, false vaccinazioni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cExj





logoEV
logoEV