contatore accessi free

Il Soroptimist di Ancona “affronta” i bulli

bullismo 3' di lettura Ancona 01/02/2022 - Bullismo e cyberbullismo, temi molto dibattuti in città per via dei frequenti episodi di cronaca e al centro del dibattito organizzato nei giorni scorsi dal Soroptimist Club di Ancona con ospite la presidente del Corecom Marche, Cinzia Grucci.

Proprio il Corecom lo scorso anno ha presentato i dati di un’indagine sul cybebullismo, condotta su un campione di studenti di scuole medie e superiori delle province di Ancona, Macerata e Pesaro che ha evidenziato un 37% degli intervistati essere stati almeno una volta oggetto di insulti sui social media, mentre il 2,8 % ha dichiarato di aver subìto insulti e offese almeno una volta al mese o a settimana. Più colpite le ragazze dei ragazzi, il 78% dice di non aver mai reagito mentre il 52% non ha mai chiesto aiuto ad amici o famigliari.

Pressioni, aggressioni, ricatti, molestie, ingiurie, diffamazione, furto dì identità, alterazione, acquisizione illecita, manipolazione e trattamento illecito di dati personali, sono tante le forme di cyberbullismo su cui il Corecom vigila, analizzando i dati raccolti e adempiendo ai compiti propri e delegati di “media education”. “Lo studio, che ha coinvolto le università di Urbino, Macerata e Ancona – ha spiegato la presidente Grucci – aveva il fine di individuare la presenza, la gravità e le caratteristiche dei più frequenti atti di bullismo in rete aventi come protagonisti giovani ed adolescenti marchigiani”.

Lo studio ha messo in evidenza gli identikit di carnefici e vittime. II cyber bullo ha competenze informatica superiori alla media, mentre la cyber vittima ha spesso competenza informatica limitata ma spiccato interesse per le relazioni tecnomediate e non è in grado di difendersi. Inoltre è esposto agli attacchi e alla derisione di un pubblico molto vasto, che va dagli altri compagni di scuola, a utenti occasionali della rete fino agli utenti di tutto il mondo. Difficile la prevenzione di questo fenomeno che richiederebbe un’attenzione costante da parte degli adulti ( genitori,insegnanti) che normalmente non frequentano i luoghi virtuali dei giovani, non conoscono approfonditamente il web e quindi non riescono a sorvegliare compiutamente il comportamento online dei giovani sottovalutandone le potenzialità e i rischi.

“Come Soroptimist ci siamo spesso occupate di contrasto alla violenza e ai sopprusi – ha detto Antonella Daniele, presidente del Soroptimist di Ancona – e così abbiamo voluto approcciare alcuni aspetti di questo fenomeno. La serata è stata molto interessante e ha ispirato uno stimolante dibattito. Che si tratti di bullismo in rete o dal vivo siamo comunque in presenza di un problema che produce conseguenze molto negative che vanno dalla depressione alla perdita di fiducia e autostima, disturbi del sonno e della concentrazioni fino a ispirare episodi di autolesionismo e suicidio. Come adulti dovremmo porre una questione culturale per prevenire e contrastare le varie situazioni per fermare le prepotenze”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-02-2022 alle 16:28 sul giornale del 02 febbraio 2022 - 227 letture

In questo articolo si parla di attualità, bullismo, aiuto, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cIVy





logoEV
logoEV
logoEV
qrcode