Ambiente e rifiuti, con il PNRR il Comune progetta interventi per 6 milioni

10' di lettura Ancona 20/05/2022 - Con una richiesta complessiva di fondi di quasi 6 milioni di euro, l'Amministrazione comunale si appresta a mettere in campo una serie di progetti per l'ambiente, e in particolare per la gestione dei rifiuti, che consolideranno in maniera sostanziale un'attività strutturata e in continuo miglioramento.

“Si tratta – spiega il sindaco Valeria Mancinelli – di misure cucite sulle nostre realtà specifiche, come un vestito su misura, tarate in modo tale da consentirci di fare un passo avanti significativo e sostanziale”. I progetti sono stati illustrati in modo capillare con una conferenza stampa, nel corso della quale l'assessore all'Ambiente Michele Polenta ha fatto il punto sugli assi portanti delle politiche dell'Amministrazione in questo settore.

La raccolta differenziata

“I dati ereditati ad inizio del mandato di assessore all'Ambiente, avvenuto a dicembre 2019 – spiega - erano di una percentuale media di raccolta differenziata del 58%. Da allora le azioni messe in campo per migliorare la raccolta sono state numerose, su tutte l'implementazione della raccolta “Porta a Porta” in tutte le frazioni del Comune di Ancona, che è stata effettuata nonostante gli anni difficili a causa della pandemia dovuta al COVID 19”. Si è passati così dal 58,3% del 2019 al 59,2% nel 2020, al 60,6% nel 2021, al 62,6% di gennaio-febbraio 2022, con una previsione del 64% per fine anno.

Le iniziative di sensibilizzazione

Molteplici sono inoltre le iniziative messe in campo per la sensibilizzazione, nei confronti della cittadinanza, per una corretta gestione dei rifiuti domestici, con particolare attenzione nel cercare di migliorare la separazione della sostanza organica, al fine di diminuire la quantità del rifiuto indifferenziato, che è anche quello che viene smaltito con maggiori costi in discarica (circa 140 euro per tonnellata). Molto utile, in tal senso, è stata l'iniziativa di applicare la chiusura ai cassonetti del grigio nelle zone della città con percentuali basse di raccolta differenziata, così da poter evidenziare con certezza chi non conferisce in maniera conforme.

I programmi di sensibilizzazione “Se potessi avere” e “Portami via con te” ed altri innumerevoli progetti legati all'economia circolare, come l'utilizzo del compost derivante dalla sostanza organica e usato come concime per restituire fertilità al suolo, impiegato durante le iniziative svolte sugli impianti di forestazione urbana e sulle superfici dedicate agli orti sociali.

Altre iniziative di rilievo sono stati i vari Clean-Up condotte in collaborazione con la cittadinanza e le varie associazioni ambientaliste che operano sul territorio, riuscendo così a centrare l'obbiettivo di sensibilizzare la coscienza dei più, come si evince dai già citati dati percentuali riscontrati a gennaio 2022, che rilevano il raggiungimento del 64% di raccolta differenziata.

"La nostra visione – spiega l'assessore Polenta - è quella che il rifiuto debba diventare una risorsa, e se correttamente differenziato può assumere una nuova vita. Per questo riteniamo opportuno sviluppare un progetto futuro non solo per raggiungere l'imminente 65% di raccolta differenziata, ma per creare un circolo virtuoso di recupero e di riuso, che contestualmente migliorerà anche sotto il profilo del decoro urbano la città di Ancona”.

L'attività degli ispettori ambientali

Un passo fondamentale per raggiungere i risultati attesi è l'imminente avvio dell'attività degli ispettori ambientali, fortemente voluti dall'assessorato, che partirà dall'estate con la presenza nelle vie cittadine di ispettori, che verranno indirizzati prioritariamente in quelle zone della città più critiche per la raccolta e per il decoro. “L'input che l'Amministrazione darà agli ispettori, che verificheranno queste particolari zone della città – spiega Polenta - sarà quello di coinvolgere i cittadini, con il fine di evidenziare l'eventuale non corretto smaltimento, sensibilizzando e informando su come smaltire correttamente i rifiuti. Quindi un approccio costruttivo, che solo in un secondo momento, qualora non si avesse un cambiamento di rotta, genererà le sanzioni previste per legge.

L'utilizzo degli ecocompattatori

Altre iniziative di sensibilizzazione sono state sviluppate attraverso gli ecocompattatori per il recupero delle bottiglie di plastica, che come tutte le plastiche, se non gestite correttamente finiscono in mare.

Il progetto ECOMAP

Altro asse importante è proprio riferito alla salvaguardia delle coste marine con il progetto europeo “ECOMAP”, sviluppato in collaborazione con Marina Dorica con azioni concrete e che riguardano nel particolare l'aspirazione delle acque nere delle casse di raccolta dei natanti, attraverso l'utilizzo della pompa trolley fornita dal Comune di Ancona e la fornitura a tutti i diportisti di un kit di spugne appositamente studiato per l'assorbimento e la raccolta degli idrocarburi delle sentine delle imbarcazioni o accidentalmente finite in acqua. Inoltre è stato installato un dispositivo SEABEAN, un cesto immerso nello specchio acqueo di Marina Dorica adibito alla raccolta dei rifiuti galleggianti. E' stata inoltre affissa in alcune aree simbolo di Ancona come il Passetto, Portonovo e Marina Dorica una serie di cartelli che sollecitano i cittadini, i turisti e i diportisti a buone pratiche ambientali.

Interventi per la pesca: sostituzione delle cassette in polistirolo

Altra problematica affrontata è quella delle cassette del pesce usate per la pesca, che hanno il primato di essere il rifiuto più presente sia in acqua, sia, inevitabilmente, nelle spiagge di Ancona. “Su questo argomento – afferma l'assessore - siamo in dirittura di arrivo per trovare una soluzione con gli operatori della pesca”.

Fondi al CNR-Irbim per la pesca sostenibile

Per la tutela e la conservazione del sistema ecomarino grazie al progetto Habitat Cariverona sono a disposizione fondi destinati al CNR-Irbim, per la pesca sostenibile, in grado di non produrre rifiuti. “Siamo sicuri – prosegue Polenta - che tutte le iniziative intraprese aumenteranno la sensibilità dei cittadini nei confronti della gestione corretta dei rifiuti e del decoro urbano”.

Il PNRR chiave di volta

“Per il miglioramento di questi importanti obiettivi – spiega l'assessore - potremo beneficiare dei fondi messi a disposizione dal MITE attraverso il PNRR sull'economia circolare ai quali abbiamo fatto domanda di finanziamento sia sulla linea d'intervento A (miglioramento e meccanizzazione della rete di raccolta differenziata dei rifiuti), sia sulla linea d'intervento B (realizzazione dei nuovi impianti di trattamento dei rifiuti urbani). La richiesta complessiva del Comune di Ancona ammonta a circa 6 milioni di euro, che saranno utilizzati nello specifico per implementare le seguenti attrezzature:

50 isole ecologiche informatizzate per il conferimento dei rifiuti differenziati. Le isole informatizzate sono strutture “intelligenti” per l'ottimizzazione della raccolta stradale, contribuiscono al raggiungimento degli obiettivi di pianificazione e in particolar modo all'identificazione delle utenze, con effetti diretti sulla responsabilità dell'utenza stessa e quindi renderanno possibile l'applicazione della tariffazione puntuale oltre che l'aumento della raccolta differenziata. Le isole saranno integrate nei luoghi in cui verranno collocate con sistemi di mascheramento d'arredo, garantendo sia la funzionalità, sia il decoro delle aree. Saranno dotate di sistema di identificazione dell'utente con smart-card, sistema automatizzato di accesso al punto di conferimento con contabilizzazione in volume e/o peso, sistema di sanificazione automatica interna contro insetti e cattivi odori, sistema di videosorveglianza della struttura e dell'area circostante per contrastare eventuali abbandoni di rifiuti o danneggiamenti, hardware e software per il controllo da remoto al fine dell'applicazione della tariffazione puntuale.

3 Isole Ecologiche Mobili Itineranti Scarrabili Informatizzate. L'ecomobile è un piccolo centro di raccolta che potrà essere trasportato, sulla base di una specifica programmazione, sopratutto nelle zone della città più distanti dai due centri di raccolta comunali esistenti, così da agevolare il conferimento ai residenti delle frazioni. Si tratta di centri dotati di un sistema informatico di interfaccia utente-operatore per l'identificazione degli utenti, che faciliteranno prevalentemente il conferimento dei rifiuti elettronici ed ingombranti.

100 Black-box e antenne GPS. Si prevede l'istallazione di questi sistemi sui mezzi di raccolta, per la lettura del tag di riconoscimento dei singoli contenitori. Le informazioni registrate saranno trasmesse in tempo reale al sistema centralizzato tramite connessione dati. Il sistema consentirà la raccolta dei dati utili alla tariffazione puntuale rilevando lo svuotamento dei contenitori opportunamente codificati assegnati alle singole utenze, permettendo di misurare i conferimenti delle varie tipologie di rifiuto, differenziato e non, agendo anche come stimolo a comportamenti virtuosi degli utenti.

18 ecocompattatori per bottiglie di plastica e lattine.

70 contenitori per olio esausto.

150 contenitori per rifiuti tessili. Le tre tipologie di raccoglitori sono dotate di sistemi di riconoscimento dell'utenza e di controllo del riempimento per la razionalizzazione dei giri di raccolta. Inoltre gli ecocompattatori prevedono una premialità del conferimento mediante caricamento di buoni spesa o ticket da utilizzare nei distributori delle “Casette D'acqua” di prossima istallazione. I contenitori per la raccolta di olio vegetale esausto sono accessibili mediante taniche per il conferimento dotate di tag, associate all'utenza e che consentono, oltre all'apertura del contenitore, la misurazione del numero dei conferimenti dell'utenza. I contenitori per i rifiuti tessili, oltre ad ottemperare alle disposizioni di legge (D.lgs. 03/09/2020 n. 116), sono dotati del sistema di apertura a scomparsa.

16 Sistemi Intelligenti Scarrabili Intineranti per l'ottimizzazione della raccolta differenziata (IGENIO), munita di vasche ribaltabili, che consente ai cittadini abilitati mediante smart-card di conferire cinque tipologie di rifiuto contemporaneamente e in modo differenziato. Il sistema è già in uso in Ancona nelle aree dove, per criticità territoriali e sulla base di esigenze operative del servizio, non è possibile l'utilizzo di isole fisse. La differenza fra i due sistemi non riguarda la tipologia dei rifiuti da conferire ma la frequenza di conferimento. Questo sistema risulta efficace anche per fiere, sagre e manifestazioni in quanto incentiva la raccolta differenziata.

6 biocompostatori da istallare in alcune frazioni del Comune di Ancona al fine di dotare le utenze di una macchina in grado di trasformare in ottimo compost la matrice organica domestica, attraverso un processo aerobico, in maniera semplice nell'utilizzo e nella gestione e con bassi consumi energetici. Le compostiere saranno dotate di filtro abbattimento odori, videocamera interna ed esterna, sistema gestione dati, sistema di pesatura, telecontrollo da remoto e impianto di illuminazione. La compostiera permette al personale addetto o ai cittadini di poter caricare la frazione organica 365 giorni l'anno. Tra i vantaggi più significativi nell'utilizzo di questo sistema si segnalano, l'ottima qualità dell'ammendante utilizzabile che si può ottenere per l'utilizzo da parte dei cittadini e la possibilità di trattare la frazione organica prodotta in modo sostenibile nello stesso luogo di produzione, con conseguente riduzione dei costi della raccolta domiciliare e di smaltimento, dei costi di trasporto e dell'inquinamento ambientale (minori emissioni di CO2 in atmosfera).

“Tutte queste proposte di finanziamento presentate dal Comune di Ancona al MITE sui bandi PNRR – conclude l'assessore - vincolano lo stesso a garantire il raggiungimento entro il 2026 di una percentuale del 67,5 di raccolta differenziata. Siamo sulla buona strada e ritengo che questo obbiettivo possa essere raggiunto anche in tempi minori”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-05-2022 alle 16:35 sul giornale del 21 maggio 2022 - 234 letture

In questo articolo si parla di ambiente, politica, ancona, comune di ancona, comunicato stampa, pnrr

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/c8oz