I lavoratori della cultura manifestano di fronte alla Prefettura: "Organico dimezzato in 10 anni"

1' di lettura Ancona 04/07/2022 - La situazione è ormai intollerabile, in particolare nella Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio (Sabap), che, nelle Marche, è stata suddivisa in Marche sud e Marche nord. Una divisione che ha portato all’aumento del carico di lavoro per il personale rimasto, davvero insostenibile

Lunedì, in piazza ad Ancona, davanti alla Prefettura, si è svolto il presidio dei lavoratori del Ministero della Cultura. La manifestazione, promossa nell’ambito della mobilitazione nazionale da Fp Cgil, Cisl Fp e Uilpa, si lega alla protesta dei circa 300 lavoratori delle Marche, alle prese con un progressivo dimezzamento dell’organico negli ultimi dieci anni.

La situazione è ormai intollerabile, in particolare nella Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio (Sabap), che, nelle Marche, è stata suddivisa in Marche sud e Marche nord. Una divisione che ha portato all’aumento del carico di lavoro per il personale rimasto, davvero insostenibile. A farne le spese, anche la continuità del servizio pubblico, come l’apertura dei musei, biblioteche e archivi. A rischio anche le autorizzazioni legate ai superbonus 110 e facciate nonché ai progetti del Pnrr.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-07-2022 alle 17:14 sul giornale del 05 luglio 2022 - 123 letture

In questo articolo si parla di lavoro, cgil, marche, cgil marche, comunicato stampa, soprintendenza marche, soprintendenza ancona, assunzioni mic

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dehU