contatore accessi free

Elezioni Politiche: il PD presenta le sue liste. Il Commissario Losacco: “Abbiamo una squadra forte. La competizione è aperta”

4' di lettura Ancona 25/08/2022 - Il Pd e la coalizione di centrosinistra presentano i propri candidati a Camera e Senato. Aperta la rincorsa alla Meloni puntando a astenuti e indecisi

L’appuntamento è stato al bar Moldavia nella mattina di giovedì 25 settembre, dove il commissario regionale del Partito Democratico Marche Alberto Losacco ha convocato la conferenza stampa per presentare le candidature della coalizione di centro sinistra a Camera e Senato. Non sono passate ancora 48 ore dalla muscolare dimostrazione di Giorgia Meloni, che dalla piazza di Ancona ha lanciato la propria rincorsa a palazzo Chigi (QUI L'ARTICOLO).

«La competizione ci sarà e sarà in campo aperto- dichiara il commissario del Partito Democratico Marche Alberto Losacco, candidato anche egli nella lista proporzionale del Senato- La nostra è una squadra forte e ricca di personalità del mondo della politica e che esprimono il meglio del civismo della Regione».

Punta sui propri candidati il Partito Democratico Marche, per sovvertire i sondaggi che danno la coalizione di centro destra in vantaggio, ma anche un'alta quota di astensionismo, che unita a quella degli indecisi, lascia la speranza di recuperare i voti necessari al centrosinistra nel solo mese che manca alla data del voto.

«I sondaggi li vediamo tutti- spiega Losacco- ma penso che questa volta, come mai prima, si parta dallo zero a zero. Ci sono 4 coalizioni tutte e anche le più piccole ruotano attorno al 10%. Anche questo permette di considerare la competizione aperta».

LA SFIDA SUL TERRITORIO

Consapevole della distanza su base nazionale il centrosinistra punta sui suoi candidati e sul territorio. Una mossa per aprire la sfida in particolare nei seggi uninominali e nelle province storicamente rosse, come quella di Ancona, che vede candidato all’uninominale per il Parlamento Antonio Mastrovincenzo: «Tutti noi in questi giorni dobbiamo aprire le nostre rubriche e aprire i nostri contatti con quel elettorato che ancora non sa se e chi andare a votare e convincerli. Nelle Marche per farlo abbiamo uno strumento, raccontare i fallimenti di questo anno di Fratelli d’Italia in Regione. Tre esempi su tutti da portare sono i tempi di attesa nella sanità, il lavoro di cui la destra si è disinteressata e la ricostruzione».

«Il “Modello Marche” di Fratelli d’Italia è fallimentare e dovremmo avere paura di ritrovare questo modello alla guida del paese- concorda Marco Bentivogli, L’ex segretario generale della FIM CISL candidato all’uninominale di Ancona e Pesaro per il Senato- Si continua a parlare di Modello Marche, ma si sono candidati ben 4 assessori per andare a Roma e scappare via. Non è un buon segnale per i cittadini».

Una priorità la scuola per Irene Manzi, capolista plurinominale al Senato, che annuncia nel programma per l'istruzione un investimento di 10 miliardi in 5 anni. Mirella Gattari, candidata all’uninominale del Senato nelle province di Macerata, Fermo e Ascoli ricorda i temi legati alla ricostruzione e la necessita di politiche sulla caccia al cinghiale che sta procurando danni alle culture dell’entroterra e risulta rischiosa per gli allevamenti.

Candidato alla Camera nel seggio uninominale di Macerata l’ex rettore Unicam Fulvio Esposito: «La sorte di queste elezioni non è già segnata. A votare non sono i sondaggi, ma i cittadini. Vengo dalla scienza e credo nel valore delle buone idee e al contributo che le università possono dare in campo scientifico e umanistico per questa regione. Ce la possiamo ancora fare».

«Dovranno spiegare perché agli italiani perché hanno deciso di mandare a casa un presidente del consiglio che stava per fare una riforma fiscale di cui il Paese aveva bisogno- osserva il candidato nella lista uninominale di Pesaro per il senato Giordano Masini- Draghi stava facendo le cose giuste per il nostro Paese qualcuno ha pensato di andare alle urne in questo momento difficile. Ricordiamocelo al momento del voto».

DA PARTE I CONFLITTI INTERNI

E così anche il centro sinistra inizia la sua rincorsa alla destra in queste elezioni. Una strada consapevolmente in salita, ma non mancano nelle fila dem la grinta e la voglia di andare a colmare il gap e andarsi a prendere la rivincita dopo la sconfitta delle regionali.

Appianate, almeno per il momento, tutte le fratture venute a galla tra la scelta dei candidati (in particolare nella provincia di Pesaro). Accantonata momentaneamente anche la questione Primarie di Ancona, che vede i due candidati Mastrovincenzo e Bentivogli, sostenere rispettivamente i candidati Pesaresi e Simonella: «Il confronto delle primarie è accantonato a fin dopo le elezioni- ricordano entrambi i candidati- l’unico modo per poter competere è rimanere uniti».

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Ancona.
Per Whatsapp aggiungere il numero 350.0532033 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivereAncona o cliccare su t.me/vivereancona
Seguici su Facebook e Twitter

di  Filippo Alfieri
redazione@vivereancona.it







Questo è un articolo pubblicato il 25-08-2022 alle 17:39 sul giornale del 26 agosto 2022 - 336 letture

In questo articolo si parla di politica, ancona, pd marche, articolo, Filippo Alfieri, elezioni politiche 2022, elezioni politche marche, elezioni politche ancona, chi si candida nelle marche per il pd

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dmo7





logoEV
logoEV
logoEV
qrcode