contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Gioventù Nazionale-FdI e Azione Universitaria Ancona: "Giunta Mancinelli a caccia di voti “under 25”

3' di lettura
118

Il commento condiviso dal Presidente provinciale di Gioventù Nazionale Francesco Novelli, dalla componente dell’Esecutivo nazionale di GN Angelica Lupacchini e dal membro della direzione nazionale di Azione Universitaria Lorenzo Gabrielli, sulla presentazione del Bando per la partecipazione Giovanile da parte dell’uscente Giunta anconetana

«Per 9 anni e mezzo, il nulla. Anzi, i bastoni tra le ruote. Ora, magicamente, i giovani tornano centrali nelle politiche dell’uscente e disastrosa Amministrazione comunale di Ancona. Il tutto per tirare la più classica delle volate elettorali a chi, in questi anni, è stata corresponsabile dello sfacelo per i tanti giovani a cui è stata spenta la voglia di fare e alle associazioni sportive, culturali e studentesche che si sono sempre confrontate con un muro dinnanzi alle loro richieste». Questo il commento condiviso dal Presidente provinciale di Gioventù Nazionale Francesco Novelli, dalla componente dell’Esecutivo nazionale di GN Angelica Lupacchini e dal membro della direzione nazionale di Azione Universitaria Lorenzo Gabrielli, in merito alla presentazione del Bando per la partecipazione Giovanile da parte dell’uscente Giunta anconetana.

«Si tratta dell’ennesimo contenitore vuoto con il quale nutrire false speranze dei giovani anconetani a poco meno di sei mesi dalle elezioni pur di racimolare qualche voto under 25. Dopo l’immobilismo di quasi dieci anni, ora – con la bacchetta magica – si annuncia di voler creare una presunta strategia condivisa per le politiche giovanili in soli sei mesi. Con Gioventù Nazionale da tantissimi anni ci occupiamo di politica giovanile e siamo sinceramente stanchi di questo modo sciatto di porsi nei confronti delle esigenze di noi giovani», afferma il Presidente Provinciale Francesco Novelli. «Vorrei ricordare alcuni casi eclatanti: i giovani anconetani hanno a disposizione una biblioteca comunale sottodimensionata nella quale, per difficoltà logistiche, risulta difficile anche solo trovare un posto a sedere. Inoltre, il variegato mondo delle società sportive e associazioni giovanili del terzo settore, in molti casi, sono inascoltate e senza una regia che sia efficace e degna di un’amministrazione politica di livello. Per non parlare degli spazi della Mole che non risultano disponibili, in ambito culturale, a tutte le realtà presenti nel territorio», conclude Novelli.

«Limitazione alla consumazione di alcolici, chiusure anticipate dei locali, eventi musicali ridotti al minimo per presunti motivi di sicurezza, controlli a raffica e segnalazioni per chi, mettendosi in gioco, prova ad aprire un locale o ad organizzare un evento. Questo il curriculum della Giunta Mancinelli» fa notare Angelica Lupacchini, componente dell’Esecutivo nazionale di GN. «Non basta organizzare una tavola rotonda, comunque benaccetta, se non si incentiva la partecipazione giovanile, ascoltando le loro richieste. Eppure, in questi anni, si è solo lavorato per limitare la movida e disincentivare eventi ad alta partecipazione giovanile, soprattutto universitaria».

Secondo Lorenzo Gabrielli, membro della direzione nazionale di Azione Universitaria, «Ancona è stata vittima di un'assenza di visione strategica riguardante i progetti di attività extra-didattica per gli universitari iscritti all'Univpm (più di 15 mila tra studenti, dottorandi e specializzandi). Un susseguirsi di provvedimenti restrittivi comunali, riguardanti il movimento notturno della città, ha portato gli studenti a poter usufruire di una sola piazza nella quale poter uscire a piedi la sera, tra l'altro soggetta a continue limitazioni dell'orario di chiusura dei locali. Per un universitario abitare in centro significa, di fatto, una continua restrizione e non un valore aggiunto. Tanto che è aumentato il pendolarismo degli studenti fuori sede, che fruiscono della città esclusivamente per recarsi in Ateneo. Ancona merita di meglio e siamo certi che i giovani non vogliano tirarsi indietro nelle proposte e nelle progettualità. Questa inusuale attenzione ai giovani della giunta uscente è solo una presa in giro», conclude.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-01-2023 alle 15:09 sul giornale del 09 gennaio 2023 - 118 letture






qrcode