contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
articolo

Tra un taglio e l'altro la pericolosa "droga rosa". Arrestato barbiere anconetano

1' di lettura
3348

Dal controllo dei Carabinieri nel locale della barberia emergevano modici quantitativi di tusi, un mix di droghe pesanti dal colore rosa

Un pericoloso mix di droghe pesanti, ketamina e mdma, chiamato “Tusi” o cocaina rosa, dal momento che si presenta come una polvere rosa.

Questo l'inaspettato ritrovamento dei Carabinieri del NAS che nel pomeriggio di venerdì stavano controllando i locali di un barbiere sito all'interno di una palestra, nel centro di Ancona. Il titolare si mostrava particolarmente nervoso alla presenza dei militari nel suo locale, insospettendo così i NAS.

La perquisizione dava esito positivo con il ritrovamento di una modica quantità della droga rosa, trovata ad Ancona per la prima volta. La cocaina rosa è nota per la sua potenza. Anche un minimo quantitativo, assunto sniffandolo, può causare visioni e distorsioni della realtà, causando in alcuni casi anche terribili attacchi di panico e ansia. Eppure questo potente ed esotico mix nato in Colombia sarebbe particolarmente apprezzato sul mercato clandestino delle sostanze, tanto che secondo i Carabinieri il suo valore si aggirerebbe tra i 150 e i 200 € al grammo.

I militari decidevano di proseguire le ricerche a casa del barbiere. Il 30enne, cittadino italiano con origini colombiane e titolare della barberia accompagnava i NAS alla propria abitazione. Qui i Carabinieri pervenivano altri 55 grammi di cocaina rosa, nonché 2500€ ritenuti proventi della attività di spaccio.

Il 30enne veniva perciò condotto al carcere di Montacuto in attesa delle determinazione della Procura di Ancona.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Ancona.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereAncona oppure aggiungere il numero 350.0532033 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivereAncona o cliccare su t.me/vivereancona
Seguici su Facebook e Twitter




Questo è un articolo pubblicato il 11-03-2023 alle 14:34 sul giornale del 13 marzo 2023 - 3348 letture






qrcode