contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
articolo

Sirolo: ambulante abusivo si dà alla fuga in mare per sottrarsi al controllo della Finanza

2' di lettura
668

Prosegue senza sosta il piano straordinario di interventi condotti sulla riviera dorica dai finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Ancona, predisposto in funzione dell’intensificazione dei flussi turistici verso le località di vacanza dei comuni di Ancona, Senigallia, Numana, Sirolo, Montemarciano e Falconara Marittima, finalizzato alla prevenzione ed al contrasto dei fenomeni della contraffazione e dell’abusivismo commerciale.

Il dispositivo di controllo ha consentito di individuare e sanzionare 88 venditori abusivi di origini extracomunitarie nonché di sottoporre a sequestro un quantitativo complessivo di oltre 21.000 tra articoli di abbigliamento, calzature, accessori e bigiotteria varia, tra cui t-shirt, pantaloncini, cinture, ombrelloni, occhiali da sole, costumi da bagno, teli da mare, aquiloni, gonfiabili e giocattoli vari.

I finanzieri anconetani hanno battuto a tappeto tutte le spiagge del litorale ma anche i principali luoghi di aggregazione e della movida rivieraschi. Numerosi sono stati gli interventi eseguiti, nel corso di uno dei quali, effettuato presso la spiaggia Urbani in località Sirolo, un uomo extracomunitario, alla vista degli operanti, si è dato alla fuga in mare ed ha cercato di sottrarsi al controllo portando con sé sia l’espositore che lo zaino contenente i circa 300 articoli di abbigliamento ed accessori che aveva al seguito. Soltanto dopo una lunga interlocuzione con l’ambulante i finanzieri sono riusciti a convincere il soggetto ad uscire dall’acqua e a consegnare la merce per poi procedere con la prevista verbalizzazione.

Le attività si sono concluse con il sequestro della merce illecitamente commercializzata nonché con la contestazione delle violazioni amministrative previste dalla normativa in materia, che prevedono l’applicazione di sanzioni pecuniarie che vanno da un minimo di 516 ad un massimo di oltre 25.000 euro.

Tutti i prodotti sottoposti a sequestro, nei numerosi servizi effettuati dai militari del Comando Provinciale di Ancona, una volta concluse le procedure amministrative del caso, verranno affidati a svariate associazioni di volontariato operanti sul territorio anconetano che provvederanno alla successiva distribuzione nei confronti di famiglie indigenti e bisognose.

Il piano di intervento di cui sopra costituisce lo specchio del costante e quotidiano impegno che i finanzieri di Ancona profondono nella lotta all’indebita commercializzazione di prodotti contraffatti e ad ogni forma di abusivismo commerciale, illeciti che alterano le regole del mercato, danneggiano i commercianti onesti e contribuiscono alla diffusione di fenomeni estremamente dannosi quali il lavoro nero, il riciclaggio e l’evasione fiscale.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Ancona.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereAncona oppure aggiungere il numero 350.0532033 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivereAncona o cliccare su t.me/vivereancona
Seguici su Facebook e Twitter




Questo è un articolo pubblicato il 25-08-2023 alle 10:47 sul giornale del 26 agosto 2023 - 668 letture






qrcode