contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Ad Ancona il Corso teorico-pratico “Osteoporosi severe e secondarie: approccio multidisciplinare dalla diagnosi alla terapia”

2' di lettura
234

Ancona al centro degli studi sull’osteoporosi, la cui prevenzione inizia dalla crescita.

Attraverso la promozione di corretti stili di vita e un adeguata attività fisica possiamo infatti ridurre il rischio di fratture da fragilità ossea in tarda età. È questo uno degli assunti da cui è partito il 4° Corso Teorico-pratico denominato “Osteoporosi severe e secondarie: approccio multidisciplinare dalla diagnosi alla terapia”, organizzato dalla Clinica di Endocrinologia dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria delle Marche di Ancona.

Le fratture da fragilità colpiscono almeno 400 mila persone ogni anno, tra fratture femorali, vertebrali e di polso, con una evidente ricaduta economica sul sistema sanitario. Per questo occorre puntare alla multidisciplinarietà degli approcci diagnostici e alla prevenzione come misura attiva di contrasto alla malattia. In tal senso, i percorsi diagnostici-terapeutici-assistenziali strutturati (PDTA) sono il valido approccio per ridurre le numerose fratture che interessano i pazienti con osteoporosi. “La prevenzione parte dall’adozione di stili di vita salutari e di una corretta alimentazione, come anche di una regolare attività fisica” ha affermato Gilberta Giacchetti, responsabile scientifico del corso e coordinatrice della società scientifica SIOMMMS (Società Italiana dell’Osteoporosi, del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro) sezione Marche-Abruzzo. “È fondamentale inoltre” ha continuato la dottoressa Giacchetti “che tali stili di vita siano adottati quanto prima, già durante la crescita, per permettere allo scheletro di consolidarsi correttamente e scongiurare fratture da fragilità in età avanzata”.

L’obiettivo del corso, che si è diviso tra le sessioni metodologiche e un appuntamento convegnistico, è stato quello di acquisire nuove competenze e conoscenze sull’utilizzo degli strumenti tecnologici per la diagnosi più avanzati e approfondire i progressi scientifici nel trattamento dell’Osteoporosi. La prima giornata è stata così dedicata all’analisi del completo percorso diagnostico dal laboratorio alla radiologia, mediante l’utilizzo di metodologie di ultima generazione come la densitometria ad ultrasuoni REMS. Nella giornata successiva, invece, l’attenzione si è concentrata sui risvolti teorici più recenti della malattia e sulle fratture in particolare.

Il centro delle Osteoporosi Severe e Secondarie della Clinica di Endocrinologia è un centro di riferimento della SIOMMMS, fra i 10 partecipanti del progetto IMPACT, un’iniziativa nazionale che mira a seguire diagnosi da frattura seguendo determinati algoritmi, al fine di semplificare le procedure.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-02-2024 alle 15:08 sul giornale del 19 febbraio 2024 - 234 letture






qrcode