contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
pubbliredazionale

Come si mangia al Paradise di Monsano!

3' di lettura
929

Si ,è un'esclamazione che mi è venuta spontanea dopo aver cenato al Paradise di Monsano, uno dei locali del divertimento più grandi d'Italia. L'alto livello qualitativo del cibo, in un posto dove la gente va a giocare a Bowling o a pattinare sul ghiaccio, mi ha letteralmente sorpreso e qui vi racconto com'è andata.

Arrivando al Paradise, ti trovi davanti ad un edificio mastodontico: 50.000 metri quadri dedicati al divertimento di “bambini” da 0 a 99 anni.

Entrando si è catapultati nel “paese dei balocchi”: luci, suoni e colori danno una sensazione di allegria e spensieratezza.

Mi dirigo al ristorante e vengo accolto con un sorriso da Lisa che mi accompagna al tavolo e mi serve dell'acqua mettendomi subito a mio agio.

Inquadrando il QR Code del menù mi si apre un mondo: 8 primi, 9 secondi, 16 burger con 10 tipi di carne differenti e circa 70 varianti di pizza più un ricco menù gluten free.
La scelta è davvero vasta e varia dalla Carbonara al gran fritto marchigiano, ma io voglio provare quello che qualsiasi famiglia mangerebbe in un posto del genere: pizza, burger con patatine, una fredda birra bionda media e, si perchè no, un pò di carne.
Mi avevano detto di un Burger in particolare, creato dal primo Chef del Paradise Carlo Giambertone, noto per aver vinto il primo premio in una Burger Battle di Rimini: Il 5 sensi, pane ai cereali, medaglione di Chianina, radicchio piastrato, cipolla di Tropea caramellata, Bacon, Scamorza affumicata Maionese.
Al primo morso un esplosione in bocca, il pane appena tostato, la carne cotta alla perfezione e la scamorza che fonde il gusto affumicato con il delicato amarognolo del radicchio e la dolcezza della cipolla di Tropea con affianco una cascata di patatine.

A seguire una delle pizze più buone che abbia mia mangiato: La Pizza Rosi, cottura perfetta (hanno un forno a legna con piano rotante, così da dargli uniformità), leggermente croccante con un ricco mix di ingredienti che trasmettono al palato belle sensazioni con un giusto equilibrio: Mozzarella fior di latte, pomodorini, pangrattato, spinacino, burratina, prosciutto crudo e granella di pistacchio. Più di cosi non riesco a descriverla, la dovete provare!

Per finire (non è vero dopo ci sarà un dolce) un'eccellente tagliata di entrecote di Angus argentino, cottura media perfetta servita con rucola, grana e pomodorino a formare la bandiera italiana.

Mentre finivo la mia tagliata mi sono visto passare davanti un mega panino (Metro Burger) di circa 1 metro di lunghezza con tanto di candelina scintillante (meglio di una bottiglia al Peter Pan di Riccione) che mi ha incuriosito ma la mia pancia ha detto stop, però tornerò assolutamente a provarlo!

Per finire (questa volta davvero) che fai non lo mangi un dolcetto fatto in casa? New York cheescake al caramello salato da urlo.

In definitiva vi devo dire che sono rimasto estremamente colpito dall'alto livello di quello che ho mangiato e non posso che ringraziare Enrico Marconato (il patron del Paradise) per avermi fatto vivere questa esperienza. Naturalmente tutto lo staff del ristorante tra cui i due bravissimi pizzaioli Giuseppe e Lirio; Lisa che mi ha servito con attenzione e grande professionalità; Paolo e Lorenzo in sala; in cucina Eduardo, Amhed e la mia vecchia conoscenza, lo Chef Cristian Maretu di cui vi ho già parlato in questo mio articolo di qualche tempo fa.

Al Paradise di Monsano quindi, non solo divertimento ma un gran bel mangiare!







Questo è un MESSAGGIO PUBBLICITARIO - ARTICOLO A PAGAMENTO pubblicato il 22-02-2024 alle 12:43 sul giornale del 23 febbraio 2024 - 929 letture






qrcode