contatore accessi free

Metropolitan: uno spazio pubblico da salvaguardare

partito comunista 2' di lettura Ancona 04/09/2008 - Il Direttivo comunale del PdCI, riunito martedì 2 settembre, ha deciso di presentare sulla questione del Metropolitan all\'attenzione prossima del Consiglio comunale un proprio autonomo ordine del giorno, aperto all\'eventuale adesione di altri consiglieri di maggioranza, come contributo ad una serena e approfondita discussione.


Il documento del PdCI considera in premessa che il piano regolatore vigente prevede per l\'ex cinema-teatro \"Metropolitan\", come lo prevedeva per l\'ex \"Goldoni\", un vincolo di mantenimento di uno spazio destinato a pubblico spettacolo di almeno 700 posti. Tale vincolo, che rappresenta la volontà pubblica di salvaguardare spazi culturali già presenti e vitali nella città, è stato rispettato nella ristrutturazione del Goldoni, mentre viceversa la proprietà del \"Metropolitan\" ha lasciato l\'immobile in stato di abbandono e continua ad occupare da anni con impalcature il marciapiede antistante, in base ad una concessione edilizia per lavori che non vengono fatti.

Si rileva quindi come la città abbia bisogno di spazi culturali polifunzionali e di un teatro per la prosa, per l\'attività teatrale delle scuole e delle associazioni, tanto più in relazione all\'incerto futuro del teatro Sperimentale; che il \"Metropolitan\" è un edificio storico architettonico nato come teatro polivalente, che ha meritato anche la tutela del Ministero dei Beni Culturali, ed è un luogo simbolo della memoria collettiva, del senso di appartenenza e di identità dei cittadini anconetani; che non è accettabile la pretesa della proprietà di una variante urbanistica al PRG che elimini il vincolo della sala spettacoli a destinazione pubblica; che l\'autorità comunale ha il potere e il dovere, se la concessione edilizia non viene rispettata e i lavori non procedono, di chiudere il cantiere e non autorizzare il rinnovo, imponendo l\'urgenza del ripristino e messa in sicurezza dell\'immobile a spese della proprietà.

Ciò premesso e considerato, il Consiglio comunale, se riterrà di approvare l\'ordine del giorno proposto dal Gruppo consiliare del PdCI, impegnerà il Sindaco e la Giunta ad assumere gli opportuni provvedimenti affinché siano puntualmente rispettati dalla proprietà leggi e regolamenti sulle concessioni edilizie, sulla sicurezza e il decoro degli immobili, ponendo fine allo scandalo del cantiere perennemente inattivo nel centro della città. E dovranno essere valutate tutte le idonee iniziative affinché nel rispetto dell\'attuale PRG si possa quanto prima aprire all\'utilizzo pubblico lo spazio a destinazione culturale previsto.


dal Partito dei Comunisti Italiani
Sezione "Tina Modotti"





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-09-2008 alle 01:01 sul giornale del 04 settembre 2008 - 1343 letture

In questo articolo si parla di politica, ancona, Partito dei Comunisti Italiani, partito comunista, metropolitan

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/et79





logoEV
logoEV