contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

NoixAncona: \'Triste primato per lo smog\'

3' di lettura
1254

Ancona è recentemente balzata in prima pagina su tutti i giornali e TV nazionali per il triste primato dell’inquinamento atmosferico. Peggio di noi solo Napoli e Torino!

La nostra città ha fatto rilevare una elevatissima concentrazione delle terribili “polveri sottili”. Il porto, il caotico traffico cittadino ed il riscaldamento invernale hanno costituito una miscela esplosiva! … E, ancora una volta, le vittime siamo tutti noi. “Noi x Ancona”, da sempre attento alle problematiche cittadine, con il senso civico e con la praticità che lo ha sempre contraddistinto, sente il dovere di essere vicino ai concittadini, ribadendo alcuni concetti e suggerendo alcune proposte.

-Una prima considerazione riguarda la assoluta necessità di ridurre il traffico cittadino. Ogni giorno migliaia di auto entrano in città, inquinando l’aria, alla ricerca di un improbabile parcheggio. E’ impensabile continuare ad accettare questo afflusso, esagerato inutile e dannoso, di auto in centro. Occorre assolutamente governare questo accesso, limitandolo al massimo, accogliendo pendolari, turisti …, nei parcheggi scambiatori, dai quali con adeguati e frequenti bus navetta, addirittura “gratis” in alcune fasce orarie da studiare opportunamente, potranno essere accompagnati in centro (e viceversa, naturalmente). Gli addetti ai lavori dovrebbero inoltre intervenire quanto prima per migliorare la caotica viabilità cittadina, se non altro per sfruttare maggiormente l’utilizzo dei parcheggi esistenti, la cui disponibilità andrebbe segnalata prima dell’ingresso in città con opportuni e ben visibili cartelli luminosi, intervenendo anche nella cartellonistica viaria.

-Per quanto riguarda il porto, poi, per cercare di ridurre l’alta percentuale di “smog”, si dovrebbe puntare sulla massima utilizzazione del “fotovoltaico”, per lo meno da parte delle navi passeggeri in sosta, così da diminuire l’utilizzo dei motori, necessari per i servizi di bordo, ma altamente inquinanti anche sotto il profilo della rumorosità. -Altro elemento aggravante la situazione, specialmente nei periodi freddi, è poi il riscaldamento abitativo! Purtroppo siamo molto indietro circa l’uso del fotovoltaico, poco pubblicizzato e ancora troppo complicato dal punto di vista burocratico, perché si possa sperare in un rapido accesso di massa a tale alternativa energetica. Pertanto l’Amministrazione Comunale dovrebbe accelerare e sviluppare la dotazione in tutti gli edifici pubblici di pannelli fotovoltaici, richiedendo la collaborazione, anche economica, da parte della Provincia e della Regione. Noi x Ancona non vuole, poi, trascurare altre situazioni inquinanti, come la presenza di ETERNIT, da rimuovere quanto prima, in diversi manufatti cittadini, e il “cronico” noto problema dello smog in via Conca, e nell’intero quartiere di Torrette, dove solo una radicale, e da tempo attesa, modifica della viabilità potrà migliorare le attuali condizioni.

Sempre con l’intento di ridurre l’utilizzo delle auto, il nostro Comitato vuole rilanciare la proposta di creare, con una spesa irrisoria, una pista attrezzata pedonale-ciclabile di collegamento tra la stazione ferroviaria di Ancona e le Torrette, da realizzare a monte della strada statale adriatica; una bella passeggiata fronte mare. Piste ciclabili potrebbero, inoltre, essere previste, ove possibile, nelle zone pianeggianti della città e nella immediata periferia! Vista l’importanza dell’argomento, auspichiamo che tutte le forze politiche cittadine (maggioranza ed opposizione) si adoperino celermente ed efficacemente, superando le innate divisioni, per attuare misure e provvedimenti urgenti ed adeguati a ridurre gli effetti nocivi dovuti alla pericolosa concentrazione delle “polveri sottili”, che quotidianamente, tutti noi, siamo costretti a respirare, e che, purtroppo, fanno sì che Ancona abbia anche un altro primato: quello di avere una delle percentuali più elevate di soggetti allergici in campo nazionale.




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-01-2010 alle 15:06 sul giornale del 25 gennaio 2010 - 1254 letture