contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

In pinacoteca un viaggio nell'opera di Corrado Cagli

5' di lettura
1272

angelo bucarelli

Venerdì 3 settembre alle 21,30 si terrà alla Pinacoteca Podesti di Ancona un incontro di approfondimento sull’opera di Corrado Cagli: un viaggio nell’opera dell’artista che sarà condotto con l’apporto originale di Angelo Bucarelli.

Presidente dell’Associazione Amici dell’Arte Moderna di Valle Giulia, consulente di comunicazione e attività culturali per importanti realtà operanti in Italia (Lottomatica, Studio d’ Architettura MOA), giornalista pubblicista e collaboratore di riviste nazionali come Style del Corriere della Sera e Anna (Rizzoli), Premio ARBITER 2005 di Federabbigliamento e Premio Capalbio 2006, Angelo Bucarelli è stato anche direttore del Centro Italiano per le Arti e la Cultura e membro del Comitato Direttivo dei Musei Civici di Torino. Si è formato tra Italia e Stati Uniti (dove è stato art director di Art Forum International). Pioniere della cultura come medium di comunicazione e manager culturale, book designer (indimenticabile il celebre libro gonfiabile di plastica di Roberto D’Agostino), cura ed organizza mostre ed eventi ed è artista egli stesso. Scrive di arte, di architettura, di ”buone maniere” e dei suoi frequenti viaggi intorno al mondo. Vive a Roma (www.angelobucarelli.com).

Corrado Cagli è nato ad Ancona nel 1910 ed è morto a Roma nel 1976. Nel 1915 si trasferisce con la famiglia a Roma. Compiuti gli studi classici, si iscrive all’Accademia e frequenta lo studio dell’anziano maestro Paolo Paschetto. Nel 1927 esordisce con una pittura murale a tempera in un locale in via Sistina, seguita l’anno successivo da un altro murale, questa volta a tempera magra, in un salone in via del Vantaggio. Seguendo con entusiasmo la sua vocazione "murale", nel 1930 ad Umbertide realizza otto quadri ad affresco nella casa Maravelli-Reggiani. A Umbertide è anche direttore artistico della fabbrica di ceramiche Rometti, alle quali dà un’impronta moderna e qualitativa. Fin dagli inizi dimostra di possedere una personalità vivace ed irrequieta, animata da un’intelligenza fantasiosa e critica. Imposta la sua indagine su un persistente sperimentalismo tecnico ed espressivo. Secondo Cagli l’artista è colui che si esprime attraverso un concetto globale dell’arte e che congiunge e giustifica la sua specifica operatività all’interno di un contesto culturale e ideologico. Nel 1932 tiene la sua prima mostra personale insieme con Adriana Pincherle nella "Galleria d’Arte di Roma". Tra le altre cose, espone fotomontaggi di soggetto sportivo.

Nello stesso anno si avvicina a Giuseppe Capogrossi ed Emanuele Cavalli. Formato insieme il gruppo della "Nuova pittura Romana", alla fine del 1932 a Roma, i tre artisti espongono nella "Galleria d’Arte di Roma" e nel 1933 a Milano nella galleria "Il Milione". Verso la fine dell’anno mentre stilano il "Manifesto del Primordialismo Plastico", da pubblicarsi in occasione della loro mostra a Parigi nella "Galerie Bonjean" (dicembre 1933), litigano a causa di divergenze teoriche e questioni pratiche e sciolgono definitivamente il sodalizio. In quegli anni a Roma, nonostante sia appena ventenne, è considerato l’esponente di punta della nuova generazione artistica ("Cagli svegliò i morti in questi anni" scriverà Guttuso nel 1951). Anima un gruppo di artisti giovanissimi: Mirco, Afro, Ziveri, Guttuso, Fazzini, che gravita intorno alla galleria di Dario Sabatello, anch’egli giovanissimo. Esercita anche un’intensa attività teorica e critica dalle pagine di importanti riviste, tra cui quella di architettura razionalista "Quadrante", diretta da Pier Maria Bardi e da Massimo Bontempelli (zio dell’artista). Vi annuncia, ancora fiducioso ed entusiasta del Regime, "un’alba di primordio" in cui "la fantasia rivive tutti gli stupori e trema di tutti i misteri" (Anticipi sulla scuola di Roma, 1933). Sempre dalle colonne di "Quadrante" partecipa al dibattito sulla pittura murale e invoca la "collaborazione delle arti" (architettura e pittura) e il bisogno di "farsi i muscoli per un’arte ciclica e polifonica" (Muri ai pittori, 1933). Esegue tra le altre imprese murali: un affresco per la V Triennale (1933), quattro pannelli per la II Quadriennale (1935), un grande ciclo intitolato Trionfo di Mussolini, per l’Esposizione Internazionale di Parigi (1937), definendo una nuova funzione mitologica e sociale della pittura.

Dal 1935 al 1938 è l’animatore, nel ruolo di consigliere, della "Galleria della Cometa", diretta da Libero de Libero e inauguratasi con una sua mostra di cinquanta disegni (1935). Nel 1936 vi tiene una personale di pittura e nel 1937 e nel 1938 espone nella sede della "Cometa" a New York. Nel 1938, di fronte all’incalzare delle persecuzioni razziali, essendo di origini ebraiche,si rifugia a Parigi e poi a New York (1939), dove apre uno studio. Nel 1941, diventato cittadino americano, si arruola nell’esercito e partecipa alla guerra in Europa. In Germania entrato nel campo di concentramento di Buchenwald, esegue una serie di drammatici disegni. Nel 1947 a Roma lo "Studio d’Arte Palma", diretto da Bardi allestisce una mostra delle sue nuove opere non figurative. Nascono dal suo amore per la geometria non euclidea, dalla quale ricava motivi spaziali e strutturali che definisce "mondo della ennesima dimensione", frutto però di un’"immaginazione lirica" (Bontempelli 1947). Nel 1948 ritorna definitivamente a Roma., Da questo momento, secondo il suo metodo di ricerca multipla, sperimenta diverse tecniche e linguaggi espressivi fortemente astrattizzanti o non figurativi (neometafisica, neocubismo, informale, ecc.).Lavora anche in campo teatrale. Vince il Premio Guggenheim (1946) e il Premio Marzotto (1954). (www.scuolaromana.it)



Scarica il pdf curriculum


angelo bucarelli

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-08-2010 alle 17:31 sul giornale del 28 agosto 2010 - 1272 letture