Alla Mole Vanvitelliana la kermesse 'Chi è di scena', ultimo appuntamento

L’amico Russel 3' di lettura Ancona 28/02/2011 -

Si ripropongono anche in questa nuova sede una serie di appuntamenti teatrali basati sul principio dell’autocandidatura. Mantenendo una zona riservata alle proposte non condizionate da una scelta artistica, si ribadisce, il significato dell’Hangar CultLab: vetrina del contemporaneo, sensibile al rischio, realmente aperto al fermento culturale della generazione odierna. Quest’anno Chi è di scena si concentra sugli artisti della Città di Ancona e zone limitrofe: la variegata e interessante proposta teatrale pervenuta dagli artisti del capoluogo marchigiano ha spinto a creare un cartellone che diventi uno specchio dell’offerta teatrale di Ancona che diventa sempre più viva e dinamica.



Venerdì 4 e sabato 5 marzo ultimo appuntamento con CDC – Collettivo Delirio Creativo
in L’AMICO RUSSELL (episodio #1 – elogio del dubbio e episodio #2 – studio sul valore dell’opinione), testo e regia Alessia Raccichini con Fabiana Baldinelli e Alessia Raccichini.

L’amico Russel è una pièce pop-tragicomico-conferenziale a episodi e interattiva. Concepita come trilogia, è un piccolo viaggio tra alcune affascinanti e provocatorie teorie del filosofo e matematico gallese Bertrand Russell, attraverso una messa in scena che strizzando l’occhio alla cultura Pop, mira ad aprire spiragli interrogativi sui massimi sistemi del mondo.
Tutto infatti pare muovere da un celebre aforisma del filosofo Russell, cioè: “in ogni cosa è salutare, di tanto in tanto, mettere un punto interrogativo a ciò che a lungo si era dato per scontato”.

Nello specifico, l’episodio #1, nato come corto teatrale indipendente e già finalista in due concorsi nazionali (II° classificato al Festival Potenza Teatro - Concorso Nazionale di Corti Teatrali e III° classificato al Concorso Nazionale Corti nello Spazio – Roma), affronta con la lente dell’umorismo e del disincanto un mito della cultura moderna, ossia il valore della scienza, non certo in senso assoluto, quanto piuttosto in relazione ai metodi di cui si serve per bollare fatti e cose col marchio dell’ESISTE o NON-ESISTE.


L’episodio #2 invece, che viene per la prima volta presentato al pubblico proprio in questa rassegna anconetana, è una tappa della ricerca condotta dal gruppo sul valore dell’opinione: partendo dallo scetticismo di Russell, la pièce propone una digressione attorno al concetto di opinione per tentare di sviscerarne le implicazioni più attuali e controverse, individuali e sociali.


Il CDC - Collettivo Delirio Creativo, è un gruppo di lavoro eterogeneo dove regna la contaminazione creativa tra Teatro, Arte, Scienze e Comunicazione. Tra i fondatori, Alessia Raccichini, Fabiana Baldinelli e Oscar Genovese s’incontrano tra le post fila della Scuola del Teatro Stabile delle Marche.
‘Delirio Creativo’ come percorso di ricerca attorno al dire/fare Arte: arte nelle declinazioni più varie, nelle forme più curiose, nelle molteplici contaminazioni.
Arte anche come mezzo poetico e possibile di divulgazione scientifica, per provare a comprendere il nostro piccolo mondo e, magari, imparare a viverlo meglio.

Il costo del biglietto è di 8,00 €.
Inizio spettacolo ore 21.30.


Per informazioni e prenotazioni:
Compagnia Vicolo Corto/Hangar CultLab
328 7908884
www.vicolocorto.it
compagnia@vicolocorto.it








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-02-2011 alle 19:51 sul giornale del 01 marzo 2011 - 1041 letture

In questo articolo si parla di teatro, spettacoli, compagnia vicolo corto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/hUG