contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
articolo

Consiglio comunale: Biekar annuncia in aula le sue dimissioni, prima della votazione. E passa in aula il 'riequilibrio di bilancio'

7' di lettura
1108

Andrea Biekar

Nel bel mezzo del Consiglio comunale l'ass. Biekar annuncia in aula le sue dimissioni, prima della votazione sul riequilibrio. Biekar: "Gesto convinto e sereno. Io la mia parte l'ho fatta. Auguro a questo Consiglio buon lavoro." Gramillano: "Prendo atto delle dimissioni dell'assessore." Ed infine passa in aula il riequilibrio di bilancio.

Nella mattina, dopo il parere favorevole agli emendamenti da parte del Segretario Grechi. Duca (Sinistra per Ancona) afferma: "Sull'emendamento sul parere negativi dei Conti. Ci é stata trasmessa poi la pronuncia della Corte dei Conti si puo aver un dibattito in consiglio."

Gostoli (Pdl): "E' chiaro che noi non abbiamo istituito l'Imu, ma l'abbiamo 'ordinata', quindi assunto una deliberazione illegittima. Ne consegue che illegittima é anche la delibera. Chiedo al segretario generale di chiarire."

Su richiesta del Consigliere Gostoli il Segretario Generale, Grechi si esprime: "Riguarda solo un incremento dell'aliquota Imu, non la tassa stessa. Non c'é nessuna sostanziale modifica approvata in sede di bilancio. 'Ordinamento' prevede la disciplina, il regolamentare. Non si puo equivocare. Siamo nel rispetto delle regole e quindi l'atto approvato sull'Imu é regolare."

Duca: "Si é sovrastimato. Questo emendamento é la prova di un fallimento politico: in particolare dell'.ass Biekar. Duca ieri ci hanno minacciato di fare dei manifesti. Voglio dare un suggerimento: "cari concittadini sindaco giunta e non solo...pagate voi cari concittadini."

Quattrini : "Annuncio il mio voto contrario. I tagli fatti in questo bilancio non sono necessari. Si grava poi sui cittadini. E all'assessore Biekar che dice alla minoranza di fare ostruzionismo dico dimississioni. Andiamo alle elezioni. Raccogliamo queste 21 firme di dimissioni dei cosniglieri. Abbiamo il coraggio. Il pericolo é di chi é attaccato alla poltrona."

Rossi: (pdl): "Il pdl é il contrario. Il discorso di mettere prima le tasse sull'Imu e poi risparmiare non é un atteggiamento valido."

Il Consigliere Pizzi ora passato al Gruppo Misto: "Voto contrario a questo emendamento: non si tagliano servizi. Non possiamo togliere agli anconetani. Ancona sta diventando difficilmente vivibile e fruibile a livello economico. Torniamo alle urne. Un commissario protrebbe far meglio. Si tratta di soggetti politici che hanno pensato solo al proprio benessere personale."

Bugaro: chiede 10 minuti di sospensione.Si riprende e si procede al voto. Su 30 votanti, 21 favorevoli. L'emendamento del Sindaco é accolto. Sindaco poi chiede che l'emdamento sei sia anticipato nella discussione.

Biekar: "Chiedo che il riequilibrio sia approvato nella giornata di oggi per presentare i documenti alla corte dei conti ora entro il 30 ottobre. Abbiamo approvato la delibera imu e anche l'emendamento del sindaco che eccepisce tutta la manovra complessiva. Anche se manca l'atto complessivo del riequilibrio di bilancio. Il lavoro fatto dall'ass. di bilancio é arrivato ad una svolta. Oggi se sarà approvato questo riequilibrio i conti sono in ordine, non lo diciamo noi ma i revisori dei conti. Lo detto che il bilancio doveva essere approvato entro il 20 per rispondere puntualmente alla Corte dei Conti. Approvando anche l'emendamento 6 diamo risposte oggettive, dopo il n1 a mio parere la delibera finale puo essere approvata."

"Faccio un'ulteriore gesto - ha detto solennemente in aula Andrea Biekar - annuncio le mie dimissioni, poi le protocollerò ufficialmente. Non mi dimetto perché lo chiedete nell'opposizione, ma mi dimetto per motivi personale ed approvare questo atto. Mi ero già dimesso a giugno. Ora sono sereno e fiducioso che la manovra verrà approvata." E su richiesta del Vicepresidente che chiede di confermare le sue dimissioni: Biekar: "E' un atto di responsabilità."

Sindaco Gramillano: "Siamo ad un momento di svolta. Prendo atto delle dimissioni dell'assessore ed il riequilibrio deve essere presentato alla Corte dei Conti. Un riquilibrio che con l'emendamento 1 e 6 é completo. Ribadisco che il riequilibrio dovrebbe poterci consentire di arrivare a quella responsabilità del consiglio comunale e del comune. Si é parlato anche del problema delibera delle fondazioni che dovremo presentare alla corte dei Conti. Ritiro anche le mozioni sulle fondazioni con l'impegno di chiarire diversi aspetti completando il lavoro da presentare alla Corte dei Conti."

Bugaro (Pdl) al Sindaco: "Lei é in grado di triturare le persone (riferendosi all'ass. Biekar ndr). Forse un giorno si renderà conto del danno che ha fatto questa città. Io credevo che lei avesse avuto il coraggio, dopo aver messo i conti in sicurezza, di potersi riscattare e togliere il disturbo. Invece no ringrazia l'ass. biekar e lo saluta e ritira la delibera sulla fusione delle Fondazioni. Perdipiù scarica la responsabilità sull'opposizione, ci ha accusato...Però vuole rimanere attaccato alla poltrona."

Mentre Tagliacozzo evidenzia e sollecita (Idv) "Si appresta il gesto personale dell'ass. Biekar e questo ci spinge maggiormente a votare il riequilibrio di Bilancio." Freddini Sasso: "Ringrazio l'ass. Biekar per il lavoro fatto in questi anni. Ma ripeto la scelta é umiliante e poco dignitosa. Ma é una svolta per la città. Duca ha ottenuto quello che diceva. Votero il riequilibrio, ma non sono convinta della scelta fatta."

Quattrini (M5S) plaude al ritiro da parte del Sindaco sulla delibera della Fusione delle Fondazioni: "Sulle Fondazioni invito a rispondere alla Corte dei Conti. Non cose già fatte ma analizziamo le opinioni tutti insieme."

Benaducci (Pd): "Stiamo passando un momento complesso che trova il suo acme nella questione della Corte dei Conti sulle Fondazioni. E a Bugaro sottolinea il suo 'atto di propaganda'." Sulle dimissioni di Biekar: "Va apprezzata la sua scelta, nessuno nel partito ha chiesto le sue dimissioni. Questo atto ha un forte significato politico a cui va espresso apprezzamento. Il Pd pone come obiettivo fondamentale la votazione di riequilibrio. Dobbiamo ultimare gli atti sulla Fondazione della Corte dei Conti."

Capogruppo Pdl Conte: "Grande vittoria della minoranza: abbiamo ottenuto le dimissioni dell'ass. senza neanche passare per il voto. Ed oggi abbiamo salvato le Muse da una svendita. La palla viene rinviata molto più il là, ma al momento é un traguardo politico importante."

"Sulle dichiarazioni - continua il pidiellino Luigi Conte -del Sindaco su dimissioni Biekar e non solo mi é venuta la pelle d'oca. Ha 'accoltellato' alla schiena il suo assessore e ritirato il lavoro fatto dall'assessore al Bilancio per quanto concerne le Fondazioni. E l'appello finale del Pdl va al Sindaco: é il 17esimo assessore che salta, ha bruciato due giunte intere...si dimetta. Prenda atto che questa situazione non può andare avanti, liberi la città da questa sindacatura."

Si chiude la maratona dell'Imu e del Riequilibrio: il Pdl ritira gli emendamenti, come poi Duca e non solo. Ed intanto alle ore 13.10 arrivano protocollate le dimissioni ufficiali dell'ass. Biekar. Ed echeggia in aula da parte dell'opposizione la richiesta delle dimissioni del Sindaco.

Passa intanto in aula l'emendamento n 6. Ed il Pdl annuncia in aula con Zinni che non partecipa al voto sul riequiliribrio di bilancio. "Zinni: non vogliamo che anche un solo nostro consigliere possa garantire il numero legale e la prossima fase siano le dimissioni dei Consiglieri comunali di maggioranza che consenta nuove elezioni". Mentre Benaducci replica che il gruppo Pd voterà compatto.

E il Capogruppo IdV Daniele Tagliacozzo ricorda ancora ad un passo dal voto sul riequilibrio: "Il nostro é un voto di responsabilità per evitare conseguenze peggiori...Ma troviamo un'altro modo di far politica, più seria e più equilibrata."

Mentre Ippoliti (Udc) afferma l'astensione dal voto sul riequilibrio: "Oggi il parere dei Revisori é favorevole. Oggi ci troviamo a votare una manovra su una cosa che non ci piace: l'Imu al massimo sulla prima casa. Avremmo voluto manovre alternative che non sono state poste in essere. Chidiamo che al prossimo bilancio preventivo l'amministrazione faccia di più. La nostra sarà un'astenzione pesante. Pur garantendo il numero legale."

Ma infine passa in aula il riequilibrio di bilancio con tanto di immediata eseguibiltà. Unico sollievo per quelli che hanno perso il lavoro o che sono in cassa integrazione che per quest'anno ottengono una sospensione sul pagamento Imu e la seduta si scioglie alle ore 14.15.

In allegato la votazione nominativa sul riequilibrio di bilancio.






Andrea Biekar

Questo è un articolo pubblicato il 19-10-2012 alle 10:32 sul giornale del 20 ottobre 2012 - 1108 letture