Quattrini (M5S) 'L'ultima mossa del Sindaco, preparare il terreno alla (s)vendita dei Beni degli anconetani'

andrea quattrini 2' di lettura Ancona 02/12/2012 - Come quei generali sconfitti, che nella fuga cercano di distruggere quanto più possibile per fare danno al nemico vittorioso, così Gramillano, dopo aver messo in ginocchio la città in tre anni di sindacatura inconcludente, ora si appresta a dare il colpo di grazia, ponendo le basi alla (s)vendita delle aziende partecipate dei servizi (acqua, gas, rifiuti), società che occupano oltre 1.000 posti di lavoro che potrebbero poi risultare a rischio.

Il tutto, pur non avendo più da tempo una maggioranza ed essendo stato, di fatto, sfiduciato dal capogruppo del suo partito e dal suo segretario cittadino. Già nello scorso Consiglio l'intervento della Ragioniere Capo "part time" Dott.ssa Ghiandoni non era passato inosservato neanche ai consiglieri del Pd, visto che conteneva molti passaggi di indirizzo politico anzichè tecnico, come la costituzione di un gruppo di lavoro interno agli uffici comunali per la redazione di un "piano di sviluppo di ogni singolo organismo partecipato", nella previsione della messa sul mercato dei pubblici servizi. La Dott.ssa Ghiandoni era sostenuta dalla Dott.ssa Grechi, entrambe dipendenti nominate da Gramillano che, non riuscendo a forzare le sue proposte in Consiglio e non trovando più assessori disponibili a farsi "bruciare" in una Giunta di "brancaleonico" profilo, ha costituito un governo tecnico di dirigenti nominati da lui che gli preparano atti da forzare poi in Consiglio.

In aggiunta, il Sindaco avrebbe anche deciso di assegnare l'amministrazione delle aziende partecipate a nominativi come il commercialista Dott. Ciotti, noto per aver a suo tempo proposto la creazione di una holding delle aziende partecipate per la messa sul mercato delle loro azioni.

Per chiudere il cerchio, ecco che lunedì c'è il summit per salvare il Sindaco, organizzato dal segretario regionale Pd Ucchielli, che ha più volte dichiarato di voler costituire un'unica azienda di servizi marchigiana, sotto il comando della pesarese Marche Multiservizi, a sua volta controllata dal colosso Hera. In questi giorni, per le primarie, abbiamo visto tanti manifesti e tante lettere del Pd inneggianti ai "Beni Comuni". Forse sarà il caso di scrivere anche "ipocrisia" con la lettera maiuscola?


da Andrea Quattrini
Movimento 5 Stelle





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-12-2012 alle 22:00 sul giornale del 03 dicembre 2012 - 617 letture

In questo articolo si parla di attualità, ancona, mozione, andrea quattrini, M5S, movimento 5 steslle

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/GMr





logoEV