Massacra di botte la compagna, scattano le manette per un giovanissimo. Per lei é prognosi riservata

Zeleniuschi Daniel 1' di lettura Ancona 17/12/2012 - Ha massacrato di botte la compagna lasciandola agonizzante in centro. Per la violenza inaudita scattano le manette. Ora la donna é in prognosi riservata all'Ospedale Regionale di Torrette.

Nella giornata di domenica, dopo numerose ricerche da parte dei militari dell’arma, si individuava Zeleniuschi Daniel. Il giovane aveva perpetrato ripetute violenze nei confronti della sua ragazza, una cittadina romena che é stata ritrovata massacrata di botte nel centro cittadino.

I militari della stazione carabinieri del Poggio di Ancona, coadiuvati dai carabinieri della stazione carabinieri marina militare, traevano così in arresto per atti persecutori e rapina l'uomo. Si tratta di un operaio, pregiudicato, classe 1989, che, in evidente stato di ebrezza, dopo aver riempito di botte, a casa, la sua compagna, le aveva anche sottratto il cellulare, con molta probabilità per evitare che chiamasse i soccorsi.

Non é la prima volta che la donna era vittima di ripetuti soprusi e violenze. Per la vittima, accompagnata presso l’ospedale di Torrette, ora la prognosi é riservata, a seguito delle lesioni patite.

Per l'uomo nulla da fare: rintracciato in via Cardeto intorno alle 22. L'arresto é stato convalidato nella tarda mattinata di lunedì. Ora si trova rinchiuso nel carcere di Montacuto in regime di custodia cautelare in carcere.








Questo è un articolo pubblicato il 17-12-2012 alle 17:43 sul giornale del 18 dicembre 2012 - 1688 letture

In questo articolo si parla di cronaca, ancona, arresto, botte, prognosi riservata, carabinieri di Ancona, zeleniuschi daniel, norm

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Hnh





logoEV