Mamma e figlia in 'viaggio' per Venezia: con loro 500 mila euro di droga. Fermate ad Ancona

Ancona 04/04/2013 - Mamma e figlia in viaggio per Venezia con 500 mila euro di droga, fermate al porto di Ancona grazie alla Guardia di Finanza. Con loro anche la zia. Scattano le manette per la giovane madre.

Nel pomeriggio di mercoledì, la Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Ancona, in collaborazione con l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, ha sequestrato un carico di marijuana, rinvenuto a bordo di un’auto appena sbarcata da una motonave proveniente dalla Grecia. All’atto del controllo, la persona alla guida del mezzo, una giovane albanese che viaggiava in compagnia dell’anziana zia e della propria bambina, riferiva di non avere alcunché da dichiarare e di essere diretta a Venezia per una breve vacanza.

Da una rapida ricognizione dell’abitacolo del mezzo, i Finanzieri scorgevano la presenza di numerosi cellulari, circostanza insolita per una famiglia in vacanza. Scatta l'spezione dell’auto: rinvenuti 42,8 chilogrammi di marijuana, suddivisi in 125 “panetti” nascosti all’interno delle portiere e del paraurti posteriore.

Un “quadretto familiare” apparentemente tranquillo, ma per la giovane nulla da fare. Ora la figlia che è stata successivamente affidata alle cure degli assistenti sociali di Ancona, in attesa dell’arrivo del padre in Italia. Tratta in arresto e condotta presso la Casa Circondariale di Villa Fastiggi a Pesaro la mamma. L’accusa per lei é di traffico internazionale di sostanze stupefacenti.

Una volta immessa sul mercato, la sostanza stupefacente avrebbe fruttato circa 500.000 euro. Dall’inizio dell’anno ad oggi, le Fiamme Gialle doriche hanno già sequestrato oltre 700 chilogrammi di sostanze stupefacenti, tra marijuana, cocaina ed eroina.








Questo è un articolo pubblicato il 04-04-2013 alle 11:57 sul giornale del 05 aprile 2013 - 1775 letture

In questo articolo si parla di cronaca, droga, ancona, laura rotoloni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Lm4