contatore accessi free

Porto di Ancona: nasconde marijuana dentro 19 bottiglie nel serbatoio della sua macchina. Arrestato un albanese

1' di lettura Ancona 26/09/2013 - Aveva occultato la marijuana pressandola dentro 19 bottiglie in plastica e lasciandola galleggiare nel serbatoio della sua macchina. Un cittadino albanese è stato arrestato, martedì scorso, presso il porto dorico.

Nel corso della quotidiana attività di vigilanza doganale della Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Ancona, in collaborazione con l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, martedì sera è stata individuata un'auto sospetta appena sbarcata da una motonave proveniente dalla Grecia. Durante le prime fasi del controllo, il conducente del mezzo, un cittadino albanese di 21 anni, che viaggiava in compagnia di un amico, aveva riferito di non avere nulla da dichiarare e di essere diretto a Perugia per una visita ad un parente.

Ma i controlli, con il prezioso contributo dei cani antidroga delle Fiamme Gialle, “Zicana” e “Pares”, hanno consentito di scoprire un ingegnosissimo sistema di occultamento di 11 chilogrammi di marijuana, di non facile individuazione. La sostanza stupefacente infatti, pressata dentro 19 bottiglie in plastica, era stata lasciata galleggiare nel serbatoio del mezzo, una Peugeot 307.

Una volta immesso sul mercato, l’illecito carico avrebbe consentito un guadagno di oltre 100mila euro. Il cittadino albanese, che aveva tentato di eludere i controlli delle unità cinofile antidroga impregnando le bottiglie di gasolio, è stato tratto in arresto e condotto presso la Casa Circondariale di Montacuto con l’accusa di traffico internazionale di sostanze stupefacenti. Il suo compagno di viaggio, su conforme parere dell’Autorità Giudiaziaria, è stato invece ritenuto immune da responsabilità.


di Micol Sara Misiti
redazione@vivereancona.it











logoEV
logoEV
logoEV