contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Poliambulatorio: Diomedi (M5S) "la Giunta “del fare” aiuta il bilancio regionale a fare cassa"

2' di lettura
928

Movimento 5 Stelle
In consiglio comunale la Giunta “del fare” ha portato a casa un altro risultato: quello di aiutare il bilancio regionale a fare cassa. La Giunta ha adottato definitivamente la variante parziale al PRG che cambia la destinazione d’uso dell’edificio sito al viale della Vittoria 9 che ospita il Poliambulatorio.

Fino ad ora il regalo era rimasto in “sospeso” in attesa della promessa realizzazione di strutture sanitarie in sostituzione di quelle esistenti al viale e di una RSA di 40 posti letto oltre ad una residenza protetta di 30 posti letto da realizzare nell’Area Ex Umberto I Padiglioni 1 e 2. Il cambio di passo della ineffabile Giunta sarebbe stato consentito perché è intervenuta la rassicurazione del dr. Giovanni Stroppa (direttore AV2) che avrebbe impegnato l’ASUR – Area Vasta 2 a tenere aperte e funzionali il Poliambulatorio e la struttura odontoiatrica presso l’attuale sede del Viale della Vittoria fino al trasferimento nei nuovi locali che saranno realizzati nel complesso dell’ex Umberto I.

Ebbene il “protocollo di intesa” altro non è che un accordo tra “gentiluomini” e per ciò giuridicamente inidoneo a vincolare alcuno. E’ piuttosto rappresentativo della assoluta inidoneità di sindaco, giunta e maggioranza a tutelare il diritto alla salute e alla assistenza dei cittadini anconetani : il cuore della città rimarrà completamente scoperto da ogni presidio sanitario perchè nulla e nessuno potranno obbligare la Regione a conservare i presidi esistenti in attesa dell’allestimento dei nuovi. Ammesso e non concesso che si abbia a che fare con “gentiluomini” o “gentildonne” e, in tutta onestà, oggi in consiglio si è assistito all’ennesima rappresentazione del profilo (basso) della prima cittadina, vale la pena di avvisare gli anconetani che quel protocollo è una presa in giro.

Sottoscritto da un dirigente sanitario SENZA potere, così com’è quell’impegno non vale nulla perché non vincola minimamente il Direttore Generale. In capo al direttore di area vasta, infatti, non risiede alcun potere se non formalmente delegato. Nel protocollo non vi è alcun riferimento formale al potere delegato al firmatario, pertanto la sua forza vincolante è pari a ZERO. La regione per far cassa prende in giro Sindaco, Giunta, Consiglio e Anconetani. Il Sindaco, valente principessa del foro, ci casca con tutte le scarpe. Perché? Ancora una volta i cittadini di Ancona sono stati beffati, e con loro anche i consiglieri comunali che si sono prestati a questo raggiro, nonostante gli interventi dai banchi della opposizione abbiano tentato di appellarsi alla loro capacità di discernimento e valutazione. Che fretta ha il comune di ancona di accordare questa variante senza che sia stata posta la prima pietra?



Movimento 5 Stelle

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-07-2014 alle 16:43 sul giornale del 16 luglio 2014 - 928 letture