contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
comunicato stampa

Nuove tariffe mense, asili e scuolabus, le motivazioni del sindaco

2' di lettura
3888

valeria mancinelli

Il Sindaco Valeria Mancinelli insieme agli assessori al Bilancio, Fabio Fiorillo, e alle Politiche Educative, Tiziana Borini, ha spiegato oggi le ragioni delle modifiche delle tariffe dei servizi a domanda individuale relative a mensa e trasporto scolastico (scuolabus) e anche ai nidi per l'anno 2016-2017.

Nella proposta originaria- è stato sottolineato- erano state utilizzate due leve, quella della modifica della progressione delle tariffe a “gradoni” o “scaglioni”, e quella del meccanismo reddituale ISEE. Rispetto alla prima leva, la differenza della tariffa, rispetto agli anni precedenti, potrebbe risultare minima ma anche molto consistente, mentre applicando il sistema ISEE la tariffa va ad aumentare proporzionalmente all'aumento del redddito.

Chi guadagna di più, in pratica, paga un po' di più. Accanto a queste leve era stato fatto un distinguo tra quota fissa e quota variabile , diminuendo la prima e aumentando quella variabile (che fa riferimento al numero effettivo di pasti consumati a mensa). Dopo avere fatto le necessarie valutazioni e rilevato che con questa combinazione di meccanismi potevano verificarsi aumenti non indifferenti la Giunta ha deciso di applicare solo la leva Isee, apportando di conseguenza un emendamento al bilancio di previsione 2016. Le nuove tariffe -che si potranno calcolare personalmente a breve sul sito del Comune, per farsi una idea- saranno pertanto personalizzate, famiglia per famiglia, e non fisse come prima.

Il Comune di Ancona- è stato sottolineato ancora- è tra I pochi enti a consentire l'applicazione delle riduzioni delle tariffe fino allo soglia dei 30.000,00 euro ed oltre, quando gli altri si fermano a 12/13.000,00 euro. A seguire si allegano le tabelle esplicative delle “nuove tariffe” con relative riduzioni per mense, nidi e trasporti facendo presente in particolare che per i nidi è stata introdotta per la prima volta l'esenzione per I redditi Isee sotto i 5000 euro e che per i trasporti mediante scuolabus (settore nel quale a livello nazionale c'è stato un inevitabile aumento) la spesa giornaliera per le famiglie va da 25 centesimi a un massimo di 62, a fronte di un servizio nella gran parte dei casi “sotto casa”.





valeria mancinelli

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-04-2016 alle 15:13 sul giornale del 07 aprile 2016 - 3888 letture