contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CULTURA

La grande guerra nel fine settimana della Polveriera

3' di lettura
1723

Fine settimana da vivere alla Polveriera del Parco del Cardeto nell'ambito del programma sulla Grande guerra.

Tre eventi da non perdere: Venerdì 15 aprile, alle 18, Abbasso la guerra! Il neutralismo alla vigilia della Grande guerra a cura di Fulvio Cammarano, primo dei quattro incontri organizzati dall’Istituto Storia Marche alla Polveriera. Ordinario di Storia contemporanea all’’Università di Bologna, Cammarano è autore di studi importanti, inclusi una “Storia dell'Italia liberale” per Laterza e il recente "Abbasso la guerra!" per Mondadori. Sarà un’occasione per riflettere sul ruolo e sui contorni assunti dal movimento neutralista, con strumenti storiografici nuovi e con un’ottica che sottrae questo movimento all’esclusivo appannaggio della politica, che aveva finora fornito tutti gli strumenti per la sua interpretazione, riscoprendone i tratti legati alle culture popolari, all’impegno femminile e alle piazze. Sabato 16 aprile, alle 17,30, l' Archivio di Stato di Ancona, in collaborazione con il Comune dorico, inaugura la grandiosa mostra storico-documentaria intitolata Nel Luogo della Memoria con documenti ed immagini, marcatamente legati alle realtà locali che, al di là delle parole e delle interpretazioni, avvicinano nel modo più efficace agli uomini e alle donne in quegli anni coinvolti in una prova oltremodo difficile e dolorosa.

La mostra è articolata nelle seguenti sezioni: 1.Ruoli matricolari, liste di leva ed altre documentazioni militari; 2.Archivio della famiglia Milesi Ferretti: il capitano Corrado, eroe della Grande Guerra; 2.La Grande Guerra nelle carte della Famiglia Marinelli; 4.Archivi Camillo Marabini e Giovanni Conti; 5.L’Istituto di rieducazione professionale dei mutilati di guerra “Villa Luisa Almagià” di Ancona; 6.La follia che nasce dalla guerra: indagine nelle carte dell’Ospedale psichiatrico di Ancona; 7.AnconINdifesa - La tutela del Patrimonio storico-artistico durante la Grande Guerra curata dalle ricercatrici del Progetto MIBACT “500 giovani per la cultura”. Il materiale esposto e le proiezioni multimediali, visive e sonore, rappresentano frammenti della nostra storia, mentre la lettura di “Racconti dal fronte”, interpretata dall’attore-doppiatore Luca Violini, accompagnerà i visitatori nella commemorazione del tragico evento. Domenica 17 aprile, ore 18, è invece in programma Die Landung - Lo sbarco. Una favola nostrana “sbarca” ad Ancona. Ad ingresso libero, andrà in scena la nuova produzione di Magma Associazione Culturale di Recanati in collaborazione con l’associazione Proscenio di Porto San Giorgio all’interno della rassegna. L’idea nasce dalla penna di Andrea Manciola, appassionato di storia, che si diletta nella scrittura creativa e vede l’interpretazione dell’attore professionista, sempre morrovallese, Gian Paolo Valentini, che ha appena concluso la tournée al fianco di Saverio Marconi nello spettacolo “Variazioni Enigmatiche”.

Alla regia l’esordio dell’attrice Elena Fioretti formatasi a Bologna presso la Scuola di Teatro Alessandra Galante Garrone. “Die Landung - Lo Sbarco” è il racconto di una storia incredibile, realmente avvenuta nell’aprile del 1918 tra Marzocca e Ancona: il tentativo austriaco di impadronirsi dei MAS di luigi Rizzo alla fonda al Lazzaretto. I personaggi prendono vita sul palco, come fantasmi, in un susseguirsi di avventure e colpi di scena. Un racconto pulito, non cruento che dona speranza ad un momento in cui “gli sbarchi” sulle nostre coste si ripetono sempre più assiduamente. La mostra permanente – oltre a quella dell’Archivio di Stato - saranno visitabili nei consueti orari di apertura (sabato 17-20 e domenica 10 - 13 e 17 -20).





Questo è un articolo pubblicato il 13-04-2016 alle 17:54 sul giornale del 14 aprile 2016 - 1723 letture